Io ci son delle cose che non lo so come succedono, queste cose che pure succedono, come l’altro giorno, avevo un appuntamento, sono uscito di casa, mi son fermato a comprare il giornale all’edicola, far due parole, poi salutare che avevo un appuntamento.

Ho girato a destra, era una strada lunga e stretta, subito una macchina ha cercato di investirmi, mi son scansato, io quei che guidano così, non so cosa pensare. Poi, alla fine della strada, ho girato a sinistra, che ero quasi arrivato, c’eran due uomini che portavano via la spazzatura, e sorridevano. C’era una ragazza bionda, parlava al cellulare, trascinava una grossa valigia, poi ho visto, c’era pure un uomo anziano che usciva di casa, ci son degli anziani che non so, attirano la mia attenzione, come ad esempio quest’uomo anziano che usciva di casa.

Poi ho girato ancora a destra, ero arrivato, invece ho visto la porta di casa mia, non me l’aspettavo.

Allora ho ripreso a camminare, che rischiavo di far tardi, ho cambiato strada, ho girato a sinistra, in una strada lunga e stretta, c’è mancato poco, stavo per essere investito da una macchina, fortuna che mi son scansato in tempo, io quei che guidano così, lo so cosa pensare, anche se qui c’è il caso di non dirlo. Poi, alla fine della strada, ho girato a sinistra, che ero quasi arrivato, c’eran due uomini che portavano via la spazzatura, pulivano la strada, sembravan litigare. C’era una ragazza bionda che parlava al cellulare, Dev’esser stanca, ho pensato, con quella valigia così pesante, Dev’esser anche un po’ distratta, ho pensato, stava per urtare quell’uomo anziano che usciva di casa.

Ero quasi arrivato, giro a destra, Ma guarda, mi dico, di nuovo la porta di casa mia, strano davvero.

Ora rischiavo di far tardi all’appuntamento, Cammina più veloce, mi son detto, che fai tardi all’appuntamento, ho girato a destra, in una via lunga e stretta, poi mi son fermato, che sentivo come il rischio di una macchina che stava per investirmi, infatti c’era, la macchina che stava per investirmi, fortuna che mi son fermato. Giro a sinistra, i due uomini che stan pulendo la strada, portan via la spazzatura, Guarda come litigano, e come si spingono. Una ragazza bionda che parla al cellulare quasi fa cadere un uomo anziano che esce di casa, Dev’esser troppo pesante, penso, quella valigia. Io, correre, non ho mai corso, ma mi son reso conto che stavo correndo, ho chiuso gli occhi un attimo, son tornato ad aprirli, guarda che strano, ho pensato, di nuovo la porta di casa mia.

Allora, ho pensato, ora entro in casa, mi siedo, scrivo un post.

(questo post qui, l’ha scritto Francesco)
(forse in questo caso si può persino dire che le visioni espresse in questo post
in qualche modo coincidano con quelle del sottoscritto, chissà)