My Blog » 2008 » January

Archivio di January, 2008

Se proprio volete…

Thursday 31 January 2008

Io trovo che sia molto bello che il blog della rivista Grazia offra una pagina specifica per ogni autore cosicché Voi possiate andare a leggere i miei LEGGENDARI post (eh, diciamo che alcuni pezzi potreste già averli letti)(qui si è fan del riciclaggio e del riuso)(che poi di questi tempi fa tanto bon ton) senza dover per forza leggervi il resto del blog, che, naturalmente, mi dispiace dirlo ma lo saprete anche voi che non è al livello (mica colpa sua d’altronde)(mica posso scriverci sempre solo io, eh)(oh, poi se pagano…).
Comunque, se volete seguire i miei post di là, questa qua è la mia pagina sul blog di Grazia.
E mi perdonerete il mio esser un po’ discontinuo, in questi giorni, ma, sapete, certe volte per la qualità sacrifichiamo volentieri la quantità.

(E nel dir ciò, morse.)

6 Commenti

Con il culo per terra

Wednesday 30 January 2008

Questo blog qua, m’è venuto in mente che è un blog che è un po’ diverso da molti altri blog. Perché se uno legge un blog, si aspetta che dentro ci sian delle scene di vita, magari delle notizie mischiate al punto di vista dell’autore, e comunque delle cose vere, delle cose successe; invece qua in questo blog bisogna molto spesso fare come dentro un’opera di finzione, bisogna buttarsi dentro e accettare quel che c’è scritto, anche se certe volte sembra implausibile e irreale, bisogna esercitare quella che, mi pare fosse Coleridge che lo diceva, veniva chiamata Willing Suspension of Disbelief, la sospensione volontaria dell’incredulità, quella che ti fa accettare che esistano delle astronavi che vanno nell’iperspazio o che dei topi possano parlare. Ecco m’è venuto in mente che in questo blog qua, se uno lo legge, molto spesso della Willing Suspension of Disbelief non ha bisogno, perché le cose che ci son scritte posson esser prese come vere, anche se magari non lo sono, molte altre volte invece la Willing Suspension of Disbelief bisogna esercitarla per forza, perché se non la si esercita si finisce di credere che l’autore di questo blog sia un fanfarone che scrive delle fanfaluche, e allora se uno si legge un po’ di post di seguito finisce che dal punto di vista della Willing Suspension of Disbelief si va un po’ come in altalena, un po’ c’è e un po’ non c’è, e quindi bisogna fare attenzione, perché se non si fa attenzione, con l’altalena, alla fine si finisce con il culo per terra.

17 Commenti

Qualche idea migliore di quelle che ho

Tuesday 29 January 2008

E’ mezzogiorno, e non ho ancora neanche letto i feed. Non ho ancora neanche scritto niente. Che roba. Però ho lavorato, eh. C’è anche questo fatto, che da domani mi trasferisco per una settimana sul blog di Grazia, e ancora non so bene cosa scrivere. Qualche idea ce l’ho, ma son cose che non mi fan saltar via dalla sedia. Che poi non so neanche che pubblico abbia, il blog di Grazia, chissà che tono dovrò usare, chissà cosa dovrò dire di me. Non lo so, scrivere per un blog come quello mi mette un po’ di ansia. E’ che mi sembra una cosa così diversa, scrivere su un blog come quello lì rispetto a scrivere su questo qui, perché qui fondamentalmente sono a casa mia, posso fare tutto quello che voglio, scrivere la mia solita pletora di puttanate (anche se, francamente, questo periodo qua è un periodo un po’ arido, eh), senza preoccuparmi di come saranno ricevute, di come saranno lette, perché, in fin dei conti, questa è casa mia, e la linea editoriale l’ho imposta io, e la linea editoriale è tutto quel che mi passa per la testa.
Là, non so.
In ogni caso, da domani, fino alla settimana prossima, ci vediamo di là, e se avete qualche argomento che vi piacerebbe che io affrontassi, ditelo pure, che magari mi fate venire qualche idea migliore di quelle che ho.
Di sicuro, direi.

21 Commenti

Trentasei.

Monday 28 January 2008

L’altro giorno son andato da un amico che si è fatto l’ADSL nuova, si è fatto il Wi-fi, poi già che c’era si è comprato il computer nuovo, c’era una bella offerta, ha preso un portatile dove sopra c’è Windows Vista. Io Vista non l’avevo ancora visto, ché tutti quelli che conosco han Windows XP e non han sentito il bisogno di aggiornarlo oppure si son rifiutati di farlo. Il computer è nuovo, e quindi funziona benissimo, ci son i suoi vecchi programmi che dan dei problemi però lui mi dice che alla fine funzionano lo stesso, a lui andrebbe bene così. Anche andar su internet, va bene, le pagine le apre veloce, anche Skype gira bene, con il video e tutto, va quasi tutto bene.

Quasi, perché se solo lui prova a scaricare un programma, il suo computer ci mette un mese. Non scherzo, non parlo di cose strane, ho fatto una prova, ho messo a scaricare Google Earth, una roba che sei sicuro che va veloce, e veniva giù a venti k al secondo. Allora son andato giù in macchina, ho preso il mio portatile, l’ho acceso e a me quel programma lì veniva giù a settecentotrenta k al secondo, cioè trentasei volte più veloce.

Trentasei.

Anche il suo computer del lavoro, un desktop con XP, scaricava a una velocità pari a quella del mio.
Ho disabilitato il firewall, ho disinstallato il Norton (c’era dentro il computer quando l’ha comprato), ma niente.
Ho cliccato decine e decine di volte su finestre che mi chiedevano se volevo proprio fare quel che stavo facendo, ma niente.

Ho idea che Vista quando scarica ogni singolo byte si chieda Ma questo byte qua, andrà bene o no? e poi dentro la sua testa gli compare una finestra che gli chiede Consenti o Nega, e lui ci pensa un po’ e poi schiaccia consenti.

Se qualcuno avesse avuto questo problema e volesse commentare questo post con una risposta, gli sarò grato.

(il titolo l’ho messo un po’ fuorviante, è per quelli che commentano leggendo solo il titolo senza leggere il post: così poi si sbagliano e nei commenti mi dicono Buon Compleanno)(che non è)(e ho comunque ancora qualche anno in meno eh.)

40 Commenti

E comunque

Thursday 24 January 2008

Bloggare con Berlusconi al governo è molto più divertente.

37 Commenti

La deriva foodblog è sempre più evidente

Thursday 24 January 2008

Volevo solo dire che ieri, in pausa pranzo, ho fatto le tagliatelle all’uovo per la prima volta. Completamente a manina, senza usare la macchinetta per tagliarle (non ce l’ho, non è che sono un purista)(ho usato il coltello).

No, è che son venute proprio buone, l’ha detto anche Polli, e volevo bullarmene con qualcuno, e siccome non ho ancora avuto occasione di farlo con nessuno (non è che vado dai clienti a dire Sa che ieri ho fatto le tagliatelle all’uovo per la prima volta, completamente a manina, senza usare la macchinetta per tagliarle, e che son venute proprio buone?) allora mi son detto, lo faccio sul blog.

24 Commenti

Delle piccole pallette rosse

Wednesday 23 January 2008

L’altra sera ero lì che lavoravo, ché stavo facendo un po’ di quelle cose che si fanno quando non ci sono i clienti, che uno lavora a quei lavori lì che ti danno anche un po’ noia, ma che li devi proprio fare perché non ci sono i clienti e allora li fai in qui momenti lì, e sei pure un po’ svogliato ché son quei lavori noiosi che si fanno al compiuter, e mentre lavoravo che c’avevo pure il gtalk con scritto di non disturbare, mi chiama sul gtalk Armando, un altro blogger che c’ha le sue idee un poco strane.

E mentre lavoravo e mi annoiavo (e però il lavoro andava fatto ché non c’eran clienti), ecco che Armando mi chiede se gli scrivo un post per lui, ché lui c’ha le sue idee un poco strane e che propone gli scambi di post.

Io gliel’avevo detto che non avevo tempo, che ero impegnato, ché c’ho altre cose da scrivere, ma lui è fatto così, va anche capito, e allora gli ho scritto un bel post. secondo me era proprio un bel post, e gliel’ho mandato, ed ero proprio orgoglioso di quel post, ché era un post mio, che si capiva che l’avevo scritto io, e però c’aveva anche l’ombra dello stile di Armando e sembrava proprio che l’aveva scritto lui, ché parlava anche di Armando.

Secondo me, ad Armando quel post lì non è piaciuto, perché non ha detto più niente e non so se lo pubblica. Io, intanto, ho chiuso gtalk.

(Questo post qua, se non s’era capito, l’ha scritto Armando, che non si chiama neanche Armando, ma lui dice che è una citazione. Boh.)

13 Commenti

Quesito

Tuesday 22 January 2008

Mi hanno passato una scheda in cui devo compilare un campo che dice argomenti trattati sul tuo blog, e io, siccome non lo leggo, non son riuscito a rispondere. Voi che lo leggete (lo so che lo state leggendo)(aha! Vi ho beccati!) sapreste cosa rispondere? Ché io sono completamente al buio.

Aiutatemi.

43 Commenti

Pellicce

Monday 21 January 2008

Non so se vi ricordate, probabilmente siete troppo giovani, però c’era un periodo, negli anni ottanta, in cui le signore andavano in giro con la pelliccia. Erano tempi bui, ma poi dopo un po’, fortunatamente, sono passati.

Ieri ero a un matrimonio, uno di quei matrimoni classici con un sacco di invitati, e mentre eravam lì fuori dalla chiesa che aspettavamo gli sposi m’è venuta l’impressione che quei tempi lì fossero tornati.

Poi invece ho guardato bene, erano tutte spelacchiate.

(non le signore, eh, le pellicce)

(anche se…)

17 Commenti

Gusto

Friday 18 January 2008

Prima di scrivere questo post ci ho pensato molto. Non è che l’argomento sia difficile, scomodo oppure disdicevole, è che quest’argomento non l’ho mai affrontato e ho paura, parlandone, di snaturare un po’ questo mio blog.

Ne ho parlato con degli amici, e questi amici mi hanno tutti rincuorato, dicendo che sì, è una mossa coraggiosa, ma che conoscendomi, sanno benissimo che non mi fermo affatto davanti a così poco, e che anzi, faccio opera meritoria a pubblicare queste cose su internet perché probabilmente nessun altro l’ha mai fatto, e che quindi scrivendole colmo una lacuna della cultura universale, rendendo un servizio all’umanità tutta, presente e futura.

Bene, dopo questo preambolo che ritenevo necessario, vi racconto cos’ho fatto l’altra sera.

Ho fatto una minestra con le lenticchie che era una cosa favolosa e anche Polli, quando è arrivata e l’abbiam mangiata, è rimasta veramente entusiasta, e anche ieri a pranzo, quando l’ho scaldata e l’ho finita, mi è sembrata eccezionale, da non credersi che l’avessi fatta io, e soprattutto con una ricetta così semplice e veloce da preparare.

Eccomi quindi a condividere il mio sapere.

Ingredienti:
750 ml di acqua fredda
n. 1 pacchetto “Minestra e lenticchie” Knorr

Istruzioni:
Seguire le istruzioni sul pacchetto.

Bon. Direi che per oggi la buona azione l’ho fatta. Per bilanciare adesso vado a rigare un paio di SUV.

24 Commenti