Prima di scrivere questo post ci ho pensato molto. Non è che l’argomento sia difficile, scomodo oppure disdicevole, è che quest’argomento non l’ho mai affrontato e ho paura, parlandone, di snaturare un po’ questo mio blog.

Ne ho parlato con degli amici, e questi amici mi hanno tutti rincuorato, dicendo che sì, è una mossa coraggiosa, ma che conoscendomi, sanno benissimo che non mi fermo affatto davanti a così poco, e che anzi, faccio opera meritoria a pubblicare queste cose su internet perché probabilmente nessun altro l’ha mai fatto, e che quindi scrivendole colmo una lacuna della cultura universale, rendendo un servizio all’umanità tutta, presente e futura.

Bene, dopo questo preambolo che ritenevo necessario, vi racconto cos’ho fatto l’altra sera.

Ho fatto una minestra con le lenticchie che era una cosa favolosa e anche Polli, quando è arrivata e l’abbiam mangiata, è rimasta veramente entusiasta, e anche ieri a pranzo, quando l’ho scaldata e l’ho finita, mi è sembrata eccezionale, da non credersi che l’avessi fatta io, e soprattutto con una ricetta così semplice e veloce da preparare.

Eccomi quindi a condividere il mio sapere.

Ingredienti:
750 ml di acqua fredda
n. 1 pacchetto “Minestra e lenticchie” Knorr

Istruzioni:
Seguire le istruzioni sul pacchetto.

Bon. Direi che per oggi la buona azione l’ho fatta. Per bilanciare adesso vado a rigare un paio di SUV.