Dentro quel libro là che dicevo, si dice che

…immediatamente dopo il pranzo, Kant faceva una passeggiata per tenersi in esercizio; ma in quell’occasione non portava mai con sé un compagno; […] per la curiosa ragione che egli desiderava respirare esclusivamente dalle narici, cosa che non avrebbe potuto fare se fosse stato obbligato ad aprire continuamente la bocca conversando. La ragione che egli dava di questo desiderio era che l’aria atmosferica, essendo in tal modo condotta per un percorso più lungo, giungeva perciò ai polmoni con minore crudezza e a una temperatura un po’ più alta, dunque con minore capacità di irritarli, Saldo e perseverante in questo suo esercizio, che raccomandava costantemente ai suoi amici, Kant si vantava di una lunga immunità da raffreddori, malesseri, catarri e disturbi polmonari di ogni genere; di fatto queste sgradevoli indisposizioni lo colpivano ben raramente. Io stesso ho notato, quando occasionalmente ho seguito le sue regole, di essere meno esposto di un tempo alle affezioni polmonari.

È una coincidenza ben strana, che pochi giorni prima della lettura di questo libro, io abbia comprato il Wii Fit, e che il Wii Fit, durante gli esercizi di yoga, mi dica di respirare esclusivamente dalle narici.

Io non lo so se Kant e il Wii Fit si sbagliano o han ragione, però questo consiglio non me l’aveva mai dato nessuno, e nel giro di tre giorni me l’abbian dato in due, Kant, e il Wii Fit.

Secondo me si son parlati.