Si dice in giro che io sia andato in ferie zitto zitto senza dire niente, ma francamente son delle voci infondate a cui non bisogna dare nessun credito, anche se a veder dal blog ormai è una settimana che non scrivo niente, ma non è perché son andato in ferie, è più per il fatto che in questo periodo mi vien difficile concentrarmi su una cosa per più di un minuto, e, anche se io in realtà son abbastanza veloce, a scrivere i post, in un minuto scrivo ben poco, di solito il primo minuto serve a carburare, a metter a posto le idee, ma con questo short attention span che mi ritrovo, io prima che finisca il primo minuto son già da un’altra parte coi pensieri, immerso in cose che col blog non c’entrano niente, o forse c’entrano, chi lo sa, ma non c’entrano con lo scriverci delle cose sopra; infatti adesso mi sto costringendo a scrivere un periodo solo, così, per non interrompermi, anche se ogni tanto mi vien da fare, quando metto delle virgole, delle lunghe passeggiate di cinque o sei passi in cui penso ad altro, ma poi mi ricordo, Ah già, mi dico, Stavo scrivendo un post, e allora torno al computer, e continuo a scrivere.

Delle volte mi sembra di star per trasformarmi in un criceto.