My Blog » 2013 » June

Archivio di June, 2013

Andare a farsi benedire una mattina a Pompei

Tuesday 25 June 2013

A Pompei mi è capitato che il navigatore satellitare che ho nel telefono si è inciampato e mi ha detto di svoltare in una strada che non esisteva. Sarà stato il vulcano, mi son detto, e ho tirato dritto, anche se poi il navigatore insisteva, e cosa vuoi fare, ho fatto una bella inversione a U e son tornato indietro, a vedere dov’era che ci voleva far passare, anche perché, sembrava, quella era l’unica via per uscire dal paese e tornarcene a casa, e mancavano nove ore di viaggio, era meglio partire, per poi arrivarci, a casa.
Poi quella strada esisteva davvero, era piccola e sembrava più l’ingresso di un parcheggio che una strada, e alla fine era obbligatoria la svolta a sinistra, e c’era un cartello giallo che diceva BENEDIZIONE VEICOLI, io e mia moglie ci siam guardati, dove siam finiti, ci dicevamo con gli occhi, e a me venivano dei moti spirituali dall’interno che speravano che non fosse obbligatorio, che non fosse un imbuto in cui mettersi in coda e poi finire davanti a un prete, come a Margarita, che il giorno del santo patrono le macchine agricole, e le moto (non le auto, forse perché di auto ce ne son troppe) fanno la sfilata davanti alla chiesa e il prete le benedice con il coso dell’acqua santa, lì, l’aspersorio. Ecco, speravo, speravamo proprio che non fosse così, non tanto per la benedizione, che non poteva farmi male, anzi magari mi poteva anche far bene visto com’ero messo, ma per le mezze ore perse, ché qua non si scherzava più, qua bisognava proprio tornare a Cuneo.
Rallentavo, procedevo a passo d’uomo, travolgere un posto di blocco benedicente non mi sembrava proprio il caso, e poi, a un certo punto, la strada si allargava in uno spiazzo, e dall’altro lato vedevo che proprio in quel momento una benedizione di auto era in corso, il prete aveva benedetto l’esterno, poi aveva fatto aprire la portiera, benediceva il volante, i sedili, poi le portiere e io e mia moglie ci siam di nuovo guardati, e dentro la mia testa sentivo la voce.
«Facciamo solo il fuori o facciamo anche dentro? Se ascolta me, facciamo anche dentro, costa un po’ di più ma vien fuori un lavoro ben fatto, che poi magari uno si fa benedir la macchina solo fuori, ma è dentro che stai, non stai mica fuori, aver la macchina benedetta solo da fuori, stia a sentir me, è come lucidare una mela che dentro è bacata. Via, cofano e bagagliaio inclusi nel prezzo, su su, mi voglio rovinare».
Poi abbiamo proseguito piano piano, al fondo della strada abbiamo girato a destra, e poi di nuovo a destra, e poi quella, avevamo capito, era davvero la strada verso casa.

5 Commenti

Sono una persona orribile /42

Thursday 6 June 2013

Quando vado ai funerali, e vedo i carri funebri che ci sono adesso, quelle belle Mercedes lunghe lunghe, mi aspetto sempre che si fermino, aprano le portiere, e escano dei rapper.

5 Commenti