Archivio per June, 2004

June 30, 2004

Critica agli scrittori di PNlegge.it

Untitled io ha scritto una lettera aperta (in questo post) agli scrittori del
blog di Pordenonelegge.it.

Si tratta di una intensa lettera di protesta.
In breve:
L’impatto degli scrittori con la scrittura immediata non è stato all’altezza dei loro nomi e delle loro opere.
È mancato loro l’impegno e il desiderio di osare nel cogliere l’opportunità di una intera settimana in rete.

admin @ 7:15 pm - Commenti (3)

Il diario di Alice

Non ricordo d’aver letto Alice nel Paese delle Meraviglie. Ho le immagini del cartone animato nei miei ricordi.
Una volta mi sono chiesto, come molti altri, se per caso il mondo in cui vivo non sia in realtà un mondo sbiellato e sottosopra per qualcuno che in un modo o nell’altro (nascita o viaggio) ci sia capitato.
Non proseguo oltre nel mio farneticante pensiero.
Il fatto è che mi sono piacevolmente preso la briga di sfogliare un blog. A volte sfogliare un blog è come vivere il mondo circostante con le sensazioni di un altro essere vivente.
Non seguirei un coniglio. A volte però mi trovo a chiedermi come e cosa viva il mio gatto, a come sarebbe essere quel preciso gatto in quel preciso momento.
Ogni blogger viaggia in blogosfera un po’ come gli pare e in relazione all’umore e al tempo a disposizione. Quest’oggi mia moglie è a scuola per gli orali e per qualcos’altro. Io tenendo questo computer acceso sistemo un po’ di cose in casa. Con "sistemare un po’ di cose" intendo lo stare a cercare ogni scusa plausibile a me stesso per sedermi davanti al ventilatore.
Ora m’accendo una sigaretta e riprendo a leggere il blog. Purtroppo è su Splinder e non posso feedizzarlo. Dovrò ricordarmene in futuro. Me lo sono appuntato, di più non posso fare.
L’associazione mentale al Paese delle Meraviglie (la quale in effetti è sbagliata) spero possa aiutarmi.
Il blog è Il Diario di Alice. Dall’Olanda.

admin @ 3:43 pm - Comments Off on Il diario di Alice

Il contrario di linkare?

Questa mattina volevo rispondere ad una domanda difficile, molto difficile. Non sono affari miei, ma un po’ anche sì.
Invece mi sono trastullato all’idea di smarrire il senso del dovere beneducato di rispondere in una qualsiasi maniera ad una domanda precisa e così estremamente difficile. Nel senso che sono stanco di natura e tendo a semplificare le cose, quindi vorrei rispondere alla stessa domanda riformulata nei termini e con alcune aggiunte chiarificatrici. Ma nel caso specifico mi chiedo quanto io possa sentirmi libero di riformulare una domanda altrui.

E allora?

Ho trovato una ben altra domanda sulla quale porre tutta la mia attenzione e altrettanto difficile. Così mi distraggo un po’.
(Nota al visitatore occasionale: quando si è il blogger di riferimento di qualcuno si ha un’ottima scusa per far passare ogni altra questione in secondo piano)

Principe si chiede:
Qual è il contrario di linkare?

Non sono un poliglottologo e mi sono permesso di fare solo delle proposte nei commenti al suo post.

admin @ 12:39 pm - Comments Off on Il contrario di linkare?

Louie, un mojito per favore

Come ho già avuto modo di scrivere esageratamente nei giorni scorsi, a volte un link "serve". Non l’ho espresso in questo modo, ma ora volevo essere sintetico e chiaro (o quasi).

Ieri sera ero un po’ a zonzo per la blogosfera e tra i link a gattostanco ne ho trovato uno nuovo all’interno di un post (nei cui commenti si svela il riferimento al mojito).
Ovviamente sono andato a dare un’occhiata.
Mi sono trovato un posticino tranquillo e ho iniziato a leggere:
"[…] In linea di massima aggiungo blog che leggo abitualmente e scritti da persone, di ambo i sessi, che mi sembrano serene o quantomento hanno un modo di scrivere calmo. […]"
Mi è piaciuto e così ho proseguito la mia lettura saltellando da un post all’altro, cercando di dribblare le transenne di Clarence.
Louie attraversa quella fase che molti blogger vivono a qualche mese dall’apertura del proprio blog. Mentre si pongono domande sul senso di una presenza in rete, passa a lasciare un commento stordito un gmail-dotato che intacca l’intima atmosfera dedicata alla riflessione.
Del resto un autodefinitosi "bulimico letterario" non si impressiona certo davanti a fulminati commentatori notturni quali il sottoscritto. È un blogger che non sapendo cosa fare una sera è andato a bersi una birra in Germania con un amico. Uno che cita Pablo Neruda. Uno che ha imparato a camminare in una biblioteca (sì, proprio così, da bambino)… …Mi chiedo dove abbia imparato a leggere.

admin @ 11:34 am - Commenti (3)

Chi non ha un blog…

Questo mio post potrebbe sembrare un post autoreferenziale. Ma non credo lo sia completamente.
Io lo intendo piuttosto come la presentazione di una delle buone ragioni per le quali vale la pena di aprire un blog.

Luca Conti, su Pandemia, riferendosi ad ciò che io penso del suo bloggare
scrive:
"[…] Chi non ha ancora un blog non può immaginare quante relazioni, virtuali e reali, di grande interesse ed intensità, si possano stabilire in pochi mesi. Un arricchimento culturale, sociale, relazionale e non solo. […]".

Ne sono convinto anch’io: il bello della blogosfera sono i blogger; il blog da solo è unicamente uno strumento.

admin @ 10:52 am - Commenti (5)

Udite Udite

Il mio generoso editore, Dario di Anomalia Grafica, è un benefattore della blogosfera. Non solo ospita le pagine di altri superlativi blogger, ma dedica spazio anche al sottoscritto con infinita magnanimità.

In cambio di questa immeritata ospitalità, oggi mi ha affidato il gravoso compito di vagliare le eventuali proposte di tutti gli umili blogger desiderosi di trovare accoglienza nella sua ridente e sempre verde fetta di rete.
Incoraggiato dalla fiducia concessami e fermamente deciso a non deluderla, pur col peso della solenne responsabilità affidatami, sono vigorosamente pronto a selezionare, tra tutte le suppliche che mi perverranno, un ristretto numero di blogger da presentargli come meritevole della sua attenzione.
Tra questi egli sceglierà colui, o colei, che riterrà di onorare di gradevole ospitalità.

Tu che ti credi furbo, attento!
I nobili impegni del mio editore non consentono che possa essere disturbato da una volgare e-mail o, peggio, da un odioso commento spammatorio sul suo blog.
Guai certi e defenestrazione assicurata a chi oserà disturbarlo.

Note: Le suppliche si ricevono per le prossime 48 ore nei commenti al presente post o via e-mail (tutte le suppliche saranno rese pubbliche). Dovranno essere educate e sincere. In esse dovranno essere descritte sommariamente le ragioni della richiesta d’ospitalità. Dilungarsi in lodi eccessive al sottoscritto non è necessario, basta il pensiero. Eventuali sperticate lodi al mio editore, per quanto sempre meritate e sempre fondate, non si addicono al suo nobile animo gentile.
Offrire denaro o altro sarà motivo d’esclusione (e comunque non sarà restituito).

admin @ 12:15 am - Commenti (5)

June 29, 2004

Il Tesoro dell'Antipapa

Ho terminato di leggere un affascinante libro a metà strada tra il romanzo e l’approfondimento storico.
"Il Tesoro dell’Antipapa – nei sotterranei segreti della Certosa di Pavia" di Alberto Arecchi edito dall’Associazione Culturale Liutprand, Pavia.
La tesi affrontata è la possibilità che sia esistito un passaggio segreto sotterraneo che collegasse il Castello Visconteo fatto costruire da Galeazzo II Visconti a Pavia e la Certosa situata alcuni chilometri a nord.
Mi è difficile identificare chiaramente il libro.
Le commistioni tra storia e mistero, fra narrazioni e racconti diretti, fra luoghi e secoli, fra articoli di giornale e vecchi manoscritti mi hanno affascinato.
Nel libro ho trovato la Pavia degli anni cinquanta e l’Algeria presidiata dalla Legione. Ho trovato le feste della corte dei Visconti e i riti magici del Nord Africa. La Pavia vista da una falegnameria moderna e lo splendore della Certosa medioevale.
Normalmente non amo saltare di palo in frasca passando a leggere il nuovo capitolo di un libro. Ma esistono eccezioni.
In questo caso ogni capitolo è una nuova esperienza, è come rivivere le immagini dei fatti e delle ipotesi riprese da una nuova angolatura. E non solo, perché nella lettura sono passato dall’apprezzare uno stile da romanzo a interessarmi leggendo una prosa riconducibile ad un dossier giornalistico di ricerca storica.
In poco più di cento pagine l’autore riesce a incuriosire e a divertire il sottoscritto senza mai calcare l’elemento misterioso delle vicende narrate. Al tempo stesso, però, non mi sembra pedante nel mostrare le attente analisi e ricerche su cui fonda il proprio libro.
Nota: io non conosco di persona l’autore. Ho trovato il sito di Liutprand per caso girovagando in rete.

admin @ 11:39 pm - Comments Off on Il Tesoro dell'Antipapa

Giavasan goes to Rome

Dovrò farmene una ragione.
Giavasan sospende il blog a tempo indeterminato.

Giavasan, grazie per aver rilanciato link curiosi, interessanti e giocosi.

Roma è bella anche senza telefono.

admin @ 5:53 pm - Commenti (2)

gattostanco: obiettivi pazzeschi

Daveblog mi ha incuriosito con la sua scatolina in bella evidenza dove tiene gli obiettivi perseguiti e quelli invece raggiunti.
Si tratta di una dichiarazione pubblica del classico "mi piacerebbe…" in versione da blog.
Ho trovato divertente e stimolante il giocare ad escogitare eventuali obiettivi blogosferici di gattostanco.
Mi sono spremuto le meningi, trovando solo pochissimi obiettivi irrealizzabili, fantastici e, obiettivamente, impossibili (esempio dalla vita reale: il Sultano del Brunei decide di regalarmi un centinaio di milioni di euro).
Ipotesi pazzesche in ordine sparso:
Post elogiativo dedicato a gattostanco da Massimo Mantellini e inserito su Punto Informatico 😀
Link di Fuori dal coro 😀
Intervista via email a gattostanco di Sabelli Fioretti 😀
Entrare nella Top200 di SkipPop 😀

Poi mi sono messo ad elencare quelle che potrebbero considerarsi delle piccole consacrazioni blogosferiche.
"Consacrazioni" intese per ridere e con ironia, ovviamente.
Ho iniziato ad elencarle, comprendendo anche quelle riservate a gattostanco su Clarence. La lista risultante è piuttosto lunga, perché ho inserito un po’ di tutto. Non merita certo d’essere postata. Però mi ha costretto a riflettere partendo da un punto di vista differente dal solito. Ho chiarito qualche aspetto interessante sul mio modo di intendere e di vivere la presenza in rete.

admin @ 1:24 pm - Commenti (6)

Rispondo al quiz sui peccati capitali

Io adoro rispondere alle domande.
Quelle che seguono sono basate sui sette peccati capitali e le ho prese dalle pagine di iaia (queste le sue risposte) e dal blog da dove le ha prese lei.

Ira
1. Chi è stata l’ultima persona con cui ti sei arrabbiato?
Escludendo altri fruitori della strada e qualche tizio televisivo …Non ricordo, forse mia madre.
2. Quale è la tua arma preferita?
Il farmi credere buono. È un metodo spettacolare.
3. Picchieresti uno del sesso opposto?
Da alcune rappresentanti scapperei a gambe elevate.
4. E dello stesso?
Non sono più un ragazzino, almeno da questo punto di vista. Insomma spero proprio di non dover mai trovarmi nella sistuazione di dover menare le mani. Sarei talmente sorpreso da rimanere imbambolato a prendermi la legnata.
5. Chi è stata l’ultima persona che si è arrabbiata con te?
Mia madre.
6. Porti rancore?
Sì. Credo sia una forma di autodifesa. Ho pochissimi rancori, a esser sincero, ma quei pochi li coltivo con passione per mantenerli vivi e monito per il futuro.

Pigrizia
1. Quale è la cosa che dovresti fare giornalmente e che non stai facendo?
Decidere come sistemare e assegnare i pc in casa. Pensare realmente a smettere di fumare. Riuscire a convincere mia moglie che "ci" serve un’auto nuova. Telefonare alla dentista per fissare una visita di controllo. Mantenere una vecchia promessa fatta a Chiunque Sia guardando illeso la mia prima auto distrutta.
2. Che ora era la volta in cui ti sei svegliato più tardi?
Le otto di sera. Fare colazione con la pasta è stato divertente. Ogni tanto, quand’ero più giovane, non trovavo il tempo per dormire e così la notte di sonno.
3. Nomina una persona che ti eri promesso di chiamare ma non l’hai ancora fatto:
Un parente. Sono circa due anni che dovrei almeno farmi sentire. È una di quelle persone che si lamentano continuamente di ogni aspetto della propria vita. Però si guarda bene dall’ascoltare le menate altrui. E allora ho lasciato perdere.
4. Quale è stata l’ultima scusa che hai usato per non fare qualcosa?
«Senta, mi spiace ma sono nei casini… Mi… Mi si è incendiata la macchina».
5. Quante volte hai premuto sulla sveglia oggi?
La sveglia me l’ha data mia moglie parlando in piedi accanto al letto prima d’andare agli orali. Devo ricordarmi di chiederle cosa stava dicendo quando torna a casa.
6. Cosa non fai mai per pigrizia?
Non sono pigro. (Ah!)

Gola
1. Quale è la bevanda più buona e calorica che bevi?
Succo d’arancia, a volte corretto.
2. Carne bianca o carne rossa?
Ben cotta. Non mi piacciono il pollo, l’agnello, il fegato, le cervella e… non mi ricordo.
3. Quanto alcol sei riuscito a bere in una sola volta?
Non se lo ricorda nessuno dei presenti. Ometto particolari e a parziale discolpa porto i miei vent’anni d’allora.
4. Sei mai stato da un dietologo?
E dal cartomante, dal lottologo e dal consulente finanziario in banca.
5. Preferisci del cibo dolce, salato o piccante?
Salato.
6. Ti lecchi mai le dita dopo mangiato?
Raramente. Di norma uso le posate o le pulisco nel tovagliolo. Ma faccio fare gli assaggini al gatto in palmo di mano.

Lussuri* (domande da educanda)
1. Quante persone hai visto nud*?
Non saprei …Alcune.
2. Quante persone ti hanno visto nud* (non considerando parenti/medici)?
Poche.
3. Sei mai stato beccato mentre guardavi il seno o i genital* della persona che avevi davanti?
Una volta è stato particolarmente imbarazzante, ma non posso narrare per non compromettere una signora (oltre a me stesso).
4. Quale è la parte del corpo che preferisci nell’altro/a?
Il sorriso. Un bel sorriso può tutto.
5. Sei mai stato con una o scambiata per una prostituta?
No.
6. E’ il colpo di fulmine in realtà lussuria?
No.

Avarizia
1. Hai delle carte di credito?
Si comprano ovunque. Non le uso. Paranoicamente non apprezzo che le banche sappiano come spendo i miei soldi.
2. Quale è il negozio dove spendi più soldi?
Salumeria …ora che sono a dieta: la tabaccheria.
3. Preferiresti essere ricco o famoso?
Disgustosamente ricco e placidamente sconosciuto.
4. Accetteresti un lavoro noioso se significasse tanti soldi?
L’ho appena mollato definitivamente.
5. Hai mai rubato nulla?
Sì. Tutta roba spicciola e solo in rarissime occasioni. Qualche rivista o catalogo da una cassetta della posta, un paio di timbri in altrettante azienducole dove volevano farmi perdere solo del tempo (in una era proprio l’intera scatola)… Cose così.

Superbia
1. Quale è una delle cose che hai fatto di cui sei fiero?
Non me la ricordo.
2. Quale è una delle cose che hai fatto di cui sono fieri i tuoi genitori?
Li ho sempre ascoltati quando avevano qualche problema.
3. Ti annoi se messo in secondo piano?
Fuori vista si può giocare più liberamente. ..
4. Hai mai fatto qualche concorso sapendo di essere migliore degli altri partecipanti?
Mai fatto concorsi. (Non ho ben compreso il senso di questa domanda) …E poi ai concorsi quando mai ha avuto importanza il valore dei partecipanti?
5. Hai mai barato su qualcosa per avere un risultato migliore?
Sì. Non l’ho fatto in tutte le occasioni in cui avrei potuto. Ecco, forse sono fiero di questo.
6. Cosa hai fatto oggi di cui vai fiero?
Poco, e ne sono fiero (la giornata è ancora lunga).

Invidia
1. Quale oggetto o persona di amici vorresti avere?
Il pass per parcheggiare davanti al rettorato dell’Università di Pavia. La suocera di un amico (abita a mille chilometri)
2. Se potessi essere qualcun altro, chi vorresti essere?
Me stesso senza stanchezza.
3. Sei mai stato tradito?
Non lo so.
4. Hai mai desiderato cambiare una parte del tuo corpo?
No.
5. Invidi il ragazzo/a di qualche tuo amico/a?
No, ma ho compassione per mia moglie.
6. Senti di essere inferiore rispetto a qualcuno?
Mi pare ovvio. Potrei essere infinitamente migliore.

admin @ 11:17 am - Commenti (4)
Email: gattostanco @ gmail.com
FeedBurner:  GATTOSTANCO FEED powered by FeedBurner

gattostanco ...appunti (sospeso)
gattostanco FriendFeed
BlogBabel - BlogItalia - Wikio
Memesphere - Filter 4.0

Ultimi commenti

  • iso: Tutti i blog muoiono prima o poi
  • luca nonno lodi: Che meravigliosi ricordi! Il COF all’anice, alla menta o al tamarindo li rivedremo mai più??...
  • Ibadeth: Gatto stanco, che fine hai fatto? Non scrivi più?
  • NEVIO MICHELOTTI: le offerte si trovano. le reclami sono belle,ma i risultati spesso deludenti.quando vuoi reclamare...
  • NEVIO MICHELOTTI: avevo alice analog è stato offerto alice voce non probemcon offerta del decoder (ANNO2006) il...

Trackback:

Poltrona del gatto

Chi sono?
Il Tao della Suocera
La Blogfoucauld

 AZIONISTA IMMANET - NET TO BE di ROBERTO GRASSILLI

Ospitato da Anomalia grafica
Template by Principe
Traduzione in giapponese (KutaKuta Neko) di Gilgamesh
Favicon di Ted

Cerca in gattostanco

Blogosfera

Black Cat
Annarita
Anomalia Grafica
calzino spaiato
(C)assetto Variabile
Cletus
DElyMyth
eiochemipensavo
Gaspare
giuliomozzi (sospeso)
Grassilli Warehouse
kimota
La pupa c'ha sonno
Louie
Marco Candida
marcoscan
Myst
night passage
Papino & C.
Perché no?
Principe
Radici dell'ozio
Scopriamo l'acqua calda
Shangri-La
Un altro tempo
8:49 pm
Alessandra Galetta
All about nothing
Akatalepsia
Andrea Beggi
Bloggo Intestinale
Blog Notes
Blogsenzaqualit
Bottega di Lettura
Cabaret Bisanzio
caracaterina
Ciccsoft
Corax
Daveblog
Debito di sonno
Deeario
diario di Untitled io
Diario Semistupido
Dorigo - in inglese
eCuaderno - in castigliano
EmmeBi
Errore 404
Falso Idillio
Gaspar Torriero
Gattusometro
Giavasan
Gilgamesh
Giovani Tromboni
Giovy's blog
giuseppe genna
gruppo h5n1
Haramlik
Herzog
Il Mignolo col Prof
il mio karma
il Morso della Vipera
il sentiero giusto
il Tao dei blog
iMod
Incipiterazioni
Inkiostro
Intempestiva
jtheo
Kurai
letturalenta
Luca Conti
Luca De Biase
mae*
Macchianera
Manteblog
.Mau.
MeicheNada
Momoblog
Nyft
Numerabile
officialsm
Paese d'ottobre
Paolo Valdemarin
Pandemia
Pasta Mista
Peluche - in castigliano
PensieriInecCesso
Personalità Confusa
Phoebe
Placida Signora
Quasi.dot
Qix
Rael
Ramon Ananos - in castigliano
Reflexiones e irreflexiones
Rolli
Sai tenere un segreto?
Salgalaluna
Scintilena
Secondo Piano
Sergio Maistrello
SmokingPermitted
Stefano Salvi
Squonk
Surreale
Terre Alte
To drown a rose
Tom
Uccidi un grissino
Webgol
Vibrisse, bollettino
Wittgenstein
vogliaditerra
xantology
Zio Burp
Zop
Zu

Varie

Feed by gattostanco
RSS Atom
Commenti
RSS parziale

Feed by FeedBurner


Blog link by Technorati

Wikio - Top dei blogs





 STATISTICHE

porticina: Login