Archivio per February, 2006

February 28, 2006

Oggi sono nervoso

Ieri sera mia moglie si è preparata un piatto di riso in brodo per cena, poi si è sistemata in camera distesa nel letto con doppia razione di cuscini e con San Remo acceso. Verso le 10 di sera l’ho trovata bella addormentata.
Io invece ho saltabeccato da un canale televisivo all’altro.
Su Rai Uno sono riuscito a beccare solo pubblicità. Ho visto solo Travolta, ma ho girato subito. E poi mi sono scontrato con un cantante che cantava in napoletano accompagnato da una sorta di combriccola sgangherata di ragazzi (oggi leggendo un po’ di blogosfera ho capito cosa ci stessero a fare); purtroppo non conoscendo la lingua e abbagliato dall’orrore del palco festivaliero di quest’anno, ho girato subito di nuovo.
Ho visto qualche stralcio della contro-programmazione d’azione.
Credo d’aver guardato una trentina di secondi su Rai Due di una miniserie. Ma scioccato da quel che ho letto riguardo a Lost** istantaneamente mi sono annoiato.
Ho guardato alcuni spezzoni di un film con Stallone isolato nella classica base circondata dalla neve insieme a un cattivone e a tante vittime.
Ho visto anche alcune scene di uno dei neofilm Charlie’s Angels. Non capirò mai i reali motivi che spingono la macchina cinematografica americana a farsi detestare producendo film che nulla hanno a che vedere con le serie televisive dalle quali prendono il nome. In ogni caso sono film che aiutano a spegnere il cervello e a farlo riposare.

E allora? Che razza di post è mai questo?

Non lo so. Questa mattina mi sono, aaanziii… sono stato, svegliato benissimo e poi costretto ad alzarmi malissimo. Mi sono innervosito. E ora sono le undici, e ho ancora i nervi. Ho finito le sigarette e devo uscire (a piedi) a pagare alcune bollette, così ho cercato sollievo nella tastiera.
Fuori splende il sole. Sento la primavera muoversi nel pancione invernale. E ovviamente la gattoconsorte è scappata dalla parrucchiera (e lo ha fatto, oso scrivere, vilmente dopo aver lanciato il sasso).

**Nota da non leggere per gustarsi la serie senza un pregiudizio superficiale e maldestro:

Ero curioso di sapere qualcosina di Lost (serie cult all’estero) e mi sono costruito l’idea che sia una fantozziana caga*a pazzesca. A quanto pare gli episodi autoconclusivi della prima serie aprono una serie di interrogativi generali che non vengono svelati per l’intera prima stagione e nella seconda saltuariamente e male. E di fantascienza, ovviamente, non se ne vede l’ombra. In ogni caso la stragrande maggioranza dei pareri personali sono entusiastici.

admin @ 10:41 am - Commenti (8)

Ancora chiusa, per poco

Non amo i ‘prossimamente’ vuoti e inseriti al solo scopo di incuriosire l’eventuale visitatore senza informarlo.

Del resto è anche pur vero che compio azioni ben più detestate del leggere simili prossimamente. Ad esempio ogni tanto la barba me la faccio. O detestabili. Ad esempio sono fatti miei.

Non amo i ‘prossimamente’ nei blog …degli altri.
E coerentemente credo di aver ben raramente ceduto alla tentazione di farne qualcuno. In questa occasione, mi concedo il piacere.

È chiusa (qualsiasi cosa sia) e lo sarà ancora per poco. Spero di divertirmi restando dietro agli altri, aiutandoli come posso quando aprirà.
Senza intralciare.
Perché i gatti in certi luoghi devono imparare a starsene fuori dai piedi e al tempo stesso devono essere pronti a osservare quel che accade. Essere stanchi quel tanto che basta a farsi vedere senza farsi notare.
Sarà divertente. Al limite rischio qualche eclettica ciabattata.

Aggiornamento 1° marzo 2006:
qui

Aggiornamento 6 marzo 2006:
qui

Aggiornamento 12 marzo 2006:
qui aperta dal 13 marzo 2006.

Aggiornamento 13 marzo 2006:
Bottega di Lettura

admin @ 3:40 am - Commenti (4)

Sorpresa di Giavasan

Giavasan pubblica la foto dei suoi eroi.
È quel genere di post davvero disorientante in quel genere di blog dedicati a altri temi.
Inaspettato e bellissimo.
Sereno, preciso e orgoglioso.

Mi aspettavo di vedere la foto di belle signorine, atleti olimpionici, prodi videogamer o saltimbanchi di internet… e invece mi sono ritrovato davanti a una vecchia foto di gruppo di fisici.
Miticooo.

admin @ 1:49 am - Commenti (0)

February 27, 2006

Una pizza a Gaspare

Gaspare nel suo breve post Problemi di creatività??? sollecita alcuni amici a produrre un intervento ben scritto ritenendo insostenibile una attesa che si protrae anche per settimane.

Tra i blogger incriminati sono nomintato anch’io.

Devo una pizza a Gaspare per l’implicita affermazione di avere letto un post decente in queste pagine.

Ricordo al visitatore occasionale che io bloggo per divertirmi e non per farmi leggere. Se poi qualche visitatore rimane soddisfatto di ciò che trova è un bene, ma non una necessità.
Ricordo a Gaspare (prima o poi ci reincontreremo) di appuntarsi della pizza promessa (sai, i miei natali mi fanno dimenticare velocemente ogni promessa che coinvolga il portafoglio :D).

admin @ 3:57 pm - Commenti (4)

Precisazione sul panico

Ho ricevuto un paio di vibrate proteste attraverso la posta elettronica relative al post Il mio panico da aviaria alle quali ho già risposto. Inoltre in calce allo stesso intervento sono presenti un paio di commenti antiallarmistici inseriti col chiaro intento di rasserenarmi.

Porgo le mie scuse per l’evidente poca chiarezza delle mie parole in quell’intervento.

Nelle mie intenzioni il tema principale del post non è l’aviaria, ma è il possibile effetto controproducente della citata fonte d’informazioni riguardante la malattia e, a mio parere, priva di una mediazione particolarmente accurata tesa a dare risposte chiare, oneste, rassicuranti e soprattutto prive di aperture che possano instradare il cittadino desideroso di sapere verso deduzioni errate o incomplete o dettate dalla sfiducia negli organi competenti o dalla semplice paura pregressa.
Per presentare questo effetto panico ho presentato i contenuti delle informazioni sulle quali maggiormente si è accentrata la mia attenzione uniti alle mie impressioni del momento prive di analisi seguenti e dettate da una ipotetica tendenza al panico.

admin @ 1:42 am - Commenti (0)

February 26, 2006

Chi sono?

Ho ritrovato la vecchia pagina “Chi sono” scritta agli albori della mia esperienza nei blog.

Non resisto al piacere di rimodellarla un poco al presente.
Se poi il visitatore avesse una parola seguita dai due punti, sarei felice di rispondere e di linkare.

Chi sono?

Uomo
1970

PREGI:
stanco

DIFETTI:
fumatore
permaloso
pedante
iracondo
critico
lento

Aperitivo:
un bianco non troppo frizzante

Analcolico:
acqua

Automobilista:
lento
pessimo
isterico

Cinema:
mai

Ecologia:
senza sforzo

Gatto: versione Dos 6.22 (l’ultima)
stupendo
bastard*
vendicativo
pigro
grasso
castrato (a volte lo invidio)

Hobby:
nessuno

iPod:
nessuno, ma ho amato un Walkman.

Lavoratore:
beffardo
complice
caporalesco

Lettore:
incostante
rapido
fantascienza

Marito:
collaborativo
fedele

Miti adolescenziali:
Lamu
Emma Peel

Miti giovanili:
Vasco
Me

Miti infantili:
Goldrake
Sandro Pertini

Moglie: versione XP (sempre peggio :D)
studiosa
innamorata
leader
sorridente
pantofolaia
campagnola

Motociclista:
da ragazzo
Sono un omonimo dell’altro

Musica:
il buon Vasco d’annata

Naja:
fatta, 12 mesi

Pasta:
corta

Politica:
deluso

Sistema operativo:
Prima o poi passo a Linux

Stuzzichini:
Arachidi Cameo
Rodeo San Carlo

Suocera: versione – ignota –
cordiale
rispettosa
ha sempre ragione
dialettale
sugo di carne

target=
“_blank”

tifo
Genoa

Vino:
moderato

admin @ 10:28 am - Commenti (10)

February 25, 2006

Osservatorio sulla Ricerca

Grazie a un post (in lingua inglese) di Dorigo, dove commenta una recente intervista del direttore del CNR intenzionato a investire di una visione aziendale lo stesso Consiglio, scopro l’Osservatorio sulla Ricerca (in italiano).
Il sito è ricco di informazioni e prese di posizioni e commenti sullo stato della ricerca scientifica in Italia, sui finanziamenti e sulla loro gestione.
Purtroppo l’organizzazione tecnica delle pagine interne impedisce un collegamento efficace da siti esterni, però segnalo la presenza di una "dichiarazione di principi e un appello per sollecitare risposte adeguate al bisogno di Ricerca del Paese". Tra i firmatari finora ci sono (oltre a un migliaio di professoroni e ricercatori): operai, magistrati, impiegati, avvocati, studenti, insegnanti, pensionati, professionisti, casalinghe, ingegneri, artisti, manager, disoccupati… È disponibile un modulo online per sottoscrivere.

Gli interessi economici in gioco sono enormi. Lo svilimento della ricerca pubblica nazionale in favore di quella privata sovranazionale è un processo inarrestabile, non ho dubbi in proposito, però brontolare un disaccordo credo sia una cosa buona e giusta.

admin @ 11:48 am - Commenti (0)

Acciderbolatero!

Nel fine settimana si blogga poco e meno chiaramente.

Quale blogger, al giorno d’oggi, non ha almeno in archivio un post con una citazione acciderbolaterosa?
Ieri è stata una giornata stancante. Del resto lo sono.
E oggi non sarà da meno. Tra un giro da mia madre, una visita alla suocera, l’acciderbolatero che non vuole saperne di smiciare a dovere e la mia adorata sposa intellettualmente iperattiva, prevedo un sabato pieno e indaffarato.
Buona blogosfera a tutti. E spero che il vostro acciderbolatero sia ok. Perché mi sembra incredibile che la gente lo cerchi in rete così affannatamente. Si moltiplicassero i risultati su altri weblog sarebbe divertente.

E tutto nasce da un conoscente broker. Mi ha chiesto se un blog tematico assicurativo sarebbe una qualche forma di investimento per la sua società. Gli ho appena risposto in una mail-fiume zeppa di parole inutili. Fortunatamente ho l’abitudine di fare degli In Breve all’inizio (in questo caso l’ho fatto alla fine della mail per pura cattiveria 😀 ) e comunque il riassunto della mia analisi superficiale è stato un BOH (a gratis cosa s’aspettava?).
Naturalmente non ho resistito a usare la parola ‘acciderbolatero’ nella mia pseudorelazione. …Mi diverto con poco.
Peccato di non avere avuto l’intuizione di inventare una traduzione inglese per aumentare l’autorevolezza intrinseca del termine: del tipo ‘eciderblater’ dove la ‘e’ iniziale rimanda ovviamente al web, ‘ciderb’ assomiglia a una storpiatura ad effetto di cyber con aggiunte varie e ‘later’ richiama la temporalità del ‘dopo’.

Ultima nota fuori tema… il DeMauro online da un po’ di tempo presenta una parola d’esempio nella casella per inserire la parola da cercare. Ovviamente si tratta di "gatto".

admin @ 3:57 am - Commenti (3)

February 24, 2006

Il mio panico da aviaria

Premessa (inserita il 27/02/2006):
Nelle mie intenzioni il tema principale del post non è l’aviaria, ma è il possibile effetto controproducente della citata fonte d’informazioni riguardante la malattia e priva di una mediazione particolarmente accurata, a mio parere, tesa a dare risposte chiare, oneste, rassicuranti e soprattutto prive di aperture che possano instradare il cittadino desideroso di sapere verso deduzioni errate o incomplete o dettate dalla sfiducia negli organi competenti o dalla semplice paura pregressa.
Fine premessa

Ieri ho consumato l’ultima fettina di tacchino che conservavo nel congelatore come una reliquia.
Ogni mezzo d’informazione tenta di rassicurarmi. Non ho mai avuto notizie che stimolassero la paura. Solo rassicurazioni.
Come è ovvio che fosse in risposta a questo bombardamento rassicurante, ho il panico.
Politici, allevatori, giornalisti e compagnia bella a dirmi di stare tranquillo. E io dovrei fidarmi e stare tranquillo sapendo gli interessi in gioco…

– – –

Copio e incollo alcune risposte alle domande più frequenti relative all’influenza aviaria (ultimo aggiornamento 15 Febbraio 2006) presenti sul sito del Ministero della Salute.
Ho ritenuto fossero la fonte più autorevole per tranquillizzarmi e avere qualche risposta relativamente certa. Ora per certi aspetti della faccenda sono rasserenato, per altri sono più dubbioso…

Piccioni passeri e storni rappresentano un pericolo?
Finora non sono stati documentati casi di infezione da H5N1 in questi volatili

Quindi non si esclude che possano essere un pericolo?

In Italia ci sono pericoli di trasmissione della malattia all’uomo?
Allo stato attuale no. In italia la malattia è stata riscontrata solo in animali selvatici. E’ importante comunque ricordare che nei paesi in cui si sono verificati casi umani, la trasmissione della malattia è avvenuta per uno stretto contatto con volatili domestici attraverso secrezioni e feci disseccate degli animali.

E allo stato futuro? E se mi cag* in testa un piccione?

Sono sicuri i polli acquistati nelle rosticcerie o consumati negli esercizi di ristorazione?
Gli esercizi di somministrazione di alimenti hanno l’obbligo di documentare la tracciabilità dei prodotti che somministrano e la loro provenienza da attività produttive riconosciute ai sensi della vigente normativa comunitaria e nazionale in materia di produzione e commercializzazione di alimenti.

La domanda è semplice e chiara: sono sicuri? …La risposta a me sembra evasiva. Del resto non può essere altrimenti.

Come mai la malattia in Asia colpisce maggiormente bambini ed adolescenti?
In realtà i casi di infezione riguardano anche in Turchia, così come nei paesi dell’Estremo Oriente, soggetti di tutte le età, con una preferenza per i giovani adulti. Va però considerato che i bambini potrebbero essere più esposti ad occasioni di contagio, non solo perché in alcune aree del mondo spesso la cura degli animali da cortile è affidata proprio ai bambini, ma anche perché potrebbero essere esposti all’infezione giocando con questi o negli ambienti contaminati dalle loro deiezioni.

Mi verrebbe da chiedere allora: Nelle prossime giornate di sole i bambini delle scuole materne dotate di un giardino all’aperto possono essere lasciati giocare fuori (penso agli scivoli, altalene e giochi all’aperto di varia natura abitualmente fatti) tenendo presente che anche -o soprattutto- sono i volatili selvatici a poter essere malati?

I cani ed i gatti che si aggirano nell’aia tra le galline potrebbero trasmettere il virus dell’influenza aviaria ?
L’attuale situazione sanitaria nazionale non ha visto fino ad oggi alcun coinvolgimento diretto dei mammiferi della specie felina e canina, pertanto i cani e i gatti non rappresentano un rischio. Tuttavia è buona norma rispettare le regole di biosicurezza nella conduzione dell’allevamento ed evitare l’accesso di cani e gatti nei pollai.

E la situazione internazionale? La gattara che rimpinza i gatti vicino a casa potrebbe infettare la maniglia del portone del palazzo? Il mio gatto rischia se viene in contatto con un animale infetto o i suoi escrementi sui balconi di casa o dal veterinario?

Il virus negli escrementi contaminati per quanto tempo rimane attivo?
A temperatura bassa, nelle feci, circa una settimana […]

Questa mi ha divertito:
Le galline tenute dal vicino di casa nel cortile costituiscono un pericolo?
No. Le galline presenti nel cortile di privati cittadini, che appaiono sane e razzolano normalmente senza manifestare comportamenti anomali, non rappresentano alcun pericolo per la trasmissione di malattie.

Per un istante mi sono reso conto di non avere la minima idea di quali siano i comportamenti normali di una gallina. …Poi mi sono reso conto che non ho competenze in fatto di polli o tacchini non avendo vicini di casa con animali da cortile. Fiuuu, meno male 😀 …mia suocera invece sì.

Mi permetto di suggerire ai curatori delle relazioni con il pubblico del Ministero di fare uno sforzo e di usare maggiore attenzione al tono e ai contenuti delle risposte offerte al cittadino.
Infatti nella risposta a una domanda che ho ritenuto marginale e che ho letto per scrupolo (per me tutti i colombi muoiono senza una causa apparente):
Cosa fare se si trovano colombi morti, senza causa apparente, sul terrazzo di casa?
Il tono è rassicurante e la risposta abbastanza completa di informazioni (a parte quelle espressamente richieste) e assai più tranquillizzante di quella data alla domanda che io ho inserito per prima.
Gli esperti del Centro di Referenza Nazionale OIE/ FAO per l’Influenza aviara sostengono che i piccioni (Ordine dei Columbiformi Genere Columbia livia alias piccioni, Colomba palumbus alias colombaccio) si sono rilevati essere molto poco sensibili all’infezione con virus influenzali aviari. Questo dato è supportato dal fatto che nel corso di epidemie influenzali verificatesi negli anni passati, questi volatili non sono mai stati interessati da fenomeni morbosi. Studi epidemiologici condotti nei focolai attivi di infezione hanno escluso che questi volatili possano fungere da portatori sani di infezione, e pertanto che possano avere un ruolo nella diffusione dell’infezione e nel contagio di altri volatili o dell’uomo. Esperimenti di laboratorio effettuati con virus aviari di diversa origine, incluso il sottotipo H5N1 confermano la resistenza di questi animali all’infezione. Tuttavia poiché i volatili appartenenti all’Ordine dei Columbiformi insistenti nelle aree urbane, possono essere veicolo di altre malattie, anche se di minore entità rispetto all’influenza aviare, è buona regola manipolarli con attenzione nel rispetto del principio della massima cautela igienico-sanitaria.

– – –

Resta il fatto che di carni, tra influenza e pazzia varia e scatolame fatto con scarti e maiali infetti, ne restano ben poche da gustare per il mio palato.

Io, comunque, me le mangio tutte lo stesso. E mi tengo la paura: il rischio aumenta il piacere …così almeno ho letto da qualche parte.

admin @ 3:39 am - Commenti (8)

February 23, 2006

Minipost: googlepages.com

Ringrazio Il Tao dei Blog il primo blog sul quale ho letto riportata la notizia del nuovo strumento di Google per la creazione e il mantenimento in rete di pagine web. …Ultimamente Il Tao è stracitato dal sottoscritto. Eh, sempre con buoni motivi.

Google Page Creator

gattostanco.googlepages.com
Al momento ho solo scelto una grafica e incollato del testo a caso.

Aggiornamento:
Ho tentato di inserire il codice per un contatore d’accessi ShinyStat.
Forse per la natura intrinseca dell’immagine del contatore, il sistema di Google Page Creator si è impiantato nel tentativo di inserirla nel layout della pagina e non salva o pubblica le modifiche apportate.
Quello a seguire è il mio technical alert ai Googlemen
Nota: il mio inglese è orrendo :D, spero comunque sia comprensibile nonostante gli errori.

-Testo eliminato per via di un possibile fraintendimento di quel che ho scritto: il mio inglese è talmente cattivo da poter significare ben altro di quel che intendo.-
Ringrazio jtheo per avermi segnalato la possibile interpretazione negativa.

Aggiornamento:
Anche il codice di extremetracking venendo sbiellato dal Creator (eliminazione degli ‘a capo’ per compattare il codice html – fatto estremamente scomodo anche per una minima personalizzazione della pagina) rende inutile il relativo counter.

Aggiornamento:
Box del tipo fornito da BlogCode.com o per visualizzare i Technorati Favorites non funzionano.

Inizio a non capire a cosa possa servire lo spazio su googlepages.com se è uguale o peggiore del comune spazio web gratuito per pagine personali offerto da un qualsiasi fornitore di servizi web… Uffa, io non risiedo mica in Cina.

Aggiornamento:
Come al solito sono l’ultimo a vedere l’ovvio.
Di solito infatti mi preoccupo delle pagliuzze negli occhi degli altri.
Inoltre, e lo confesso sinceramente, tendo sempre a guardare il dito e non la direzione indicata.

L’indirizzo del sito ospitato è uguale alla gmail usata per accedere all’interfaccia del Google Page Creator . Fatto questo al quale non avevo neppure prestato attenzione, ritenendolo scontato come lo spam elettronico.

admin @ 12:03 pm - Commenti (4)
Email: gattostanco @ gmail.com
FeedBurner:  GATTOSTANCO FEED powered by FeedBurner

gattostanco ...appunti (sospeso)
gattostanco FriendFeed
BlogBabel - BlogItalia - Wikio
Memesphere - Filter 4.0

Ultimi commenti

  • iso: Tutti i blog muoiono prima o poi
  • luca nonno lodi: Che meravigliosi ricordi! Il COF all’anice, alla menta o al tamarindo li rivedremo mai più??...
  • Ibadeth: Gatto stanco, che fine hai fatto? Non scrivi più?
  • NEVIO MICHELOTTI: le offerte si trovano. le reclami sono belle,ma i risultati spesso deludenti.quando vuoi reclamare...
  • NEVIO MICHELOTTI: avevo alice analog è stato offerto alice voce non probemcon offerta del decoder (ANNO2006) il...

Trackback:

Poltrona del gatto

Chi sono?
Il Tao della Suocera
La Blogfoucauld

 AZIONISTA IMMANET - NET TO BE di ROBERTO GRASSILLI

Ospitato da Anomalia grafica
Template by Principe
Traduzione in giapponese (KutaKuta Neko) di Gilgamesh
Favicon di Ted

Cerca in gattostanco

Blogosfera

Black Cat
Annarita
Anomalia Grafica
calzino spaiato
(C)assetto Variabile
Cletus
DElyMyth
eiochemipensavo
Gaspare
giuliomozzi (sospeso)
Grassilli Warehouse
kimota
La pupa c'ha sonno
Louie
Marco Candida
marcoscan
Myst
night passage
Papino & C.
Perché no?
Principe
Radici dell'ozio
Scopriamo l'acqua calda
Shangri-La
Un altro tempo
8:49 pm
Alessandra Galetta
All about nothing
Akatalepsia
Andrea Beggi
Bloggo Intestinale
Blog Notes
Blogsenzaqualit
Bottega di Lettura
Cabaret Bisanzio
caracaterina
Ciccsoft
Corax
Daveblog
Debito di sonno
Deeario
diario di Untitled io
Diario Semistupido
Dorigo - in inglese
eCuaderno - in castigliano
EmmeBi
Errore 404
Falso Idillio
Gaspar Torriero
Gattusometro
Giavasan
Gilgamesh
Giovani Tromboni
Giovy's blog
giuseppe genna
gruppo h5n1
Haramlik
Herzog
Il Mignolo col Prof
il mio karma
il Morso della Vipera
il sentiero giusto
il Tao dei blog
iMod
Incipiterazioni
Inkiostro
Intempestiva
jtheo
Kurai
letturalenta
Luca Conti
Luca De Biase
mae*
Macchianera
Manteblog
.Mau.
MeicheNada
Momoblog
Nyft
Numerabile
officialsm
Paese d'ottobre
Paolo Valdemarin
Pandemia
Pasta Mista
Peluche - in castigliano
PensieriInecCesso
Personalità Confusa
Phoebe
Placida Signora
Quasi.dot
Qix
Rael
Ramon Ananos - in castigliano
Reflexiones e irreflexiones
Rolli
Sai tenere un segreto?
Salgalaluna
Scintilena
Secondo Piano
Sergio Maistrello
SmokingPermitted
Stefano Salvi
Squonk
Surreale
Terre Alte
To drown a rose
Tom
Uccidi un grissino
Webgol
Vibrisse, bollettino
Wittgenstein
vogliaditerra
xantology
Zio Burp
Zop
Zu

Varie

Feed by gattostanco
RSS Atom
Commenti
RSS parziale

Feed by FeedBurner


Blog link by Technorati

Wikio - Top dei blogs





 STATISTICHE

porticina: Login