Archivio per May, 2006

May 26, 2006

Una suocera clontoon

Mia suocera migliora giorno per giorno.
All’ospedale di Voghera (sì, la cittadina della rinomata casalinga esemplare), durante il ricovero per estirpare qualcosa di serio, si è presa un ricordino da portare a casa. Si tratta di nulla di serio, ma piuttosto fastidioso da sopportare. E nemmeno sono stati capaci, i dottori, di dirle esattamente di cosa si tratta. No, dico, le curano una cosa per dargliene un’altra e nemmeno sanno bene cosa sia. Uffa. Già mia suocera era abbastanza pesante di suo, ora è davvero una balena a forma di croce da portare sulle spalle.
Ma non mi lamento. Se la suocera rompe i maroni significa che è in fase di ripresa. E prima si riprende e prima mia moglie ed io potremo tornare a casa nostra.

Ho represso le frustrazioni, il nervoso, la preoccupazione e, chiedo scusa all’occasionale visitatore, gli istinti propri della tarda primavera in un buon modo: scrivendo.
Sono alle prese, nelle notti dal sonno troppo breve, con un racconto focalizzato sui clontoon(s).
Clontoon: materiale genetico umano clonato (la parte ‘clon’) rimodellato per assomigliare il più possibile a un cartone animato, un personaggio manga o a qualsiasi “cosa” (‘toon’) si voglia vedere vivo in carne e ossa. Un cartone clonato per essere reale e vivo (vivo?).
Mi è venuta l’idea così, per caso, ascoltando una vecchia canzone dei Negrita (Pochaontas me la farei).
Sono cresciuto con i cartoni animati giapponesi in tv.
Ora alcuni giovani giapponesi si divertono ad andare in giro vestiti come i personaggi a loro cari.
Come dire… riduttivo.
A chi non piacerebbe giocare con un piccolo Goku vero (seppur non forte come l’originale)? Forse qualche ragazzino si divertirebbe un mondo.
E certo a qualche ragazzone piacerebbe “giocare” con una Bulma vera dalle sembianze il più possibile simili ai disegni.
Scrivendo resto gentile e accondiscendente nei confronti di mia suocera (fare colazione accanto a lei richiede uno sforzo immenso per insabbiare il mio mattutino desiderio di solitudine ringhiosa). Sfogo la violenza che reprimo in una storia che permette e agevola violenza gratuita. E altro, perché la mia dolce amata pensa troppo e si stanca altrettanto in questi giorni di cure alla madre e non ha energie da spendere con me (non che io ne richieda molte, sia chiaro). E’ giusto così, ci mancherebbe altro che mi infuriassi o mi incinghialissi. Però scrivere addosso ai clontoon mi aiuta.
Ecco perché al momento evito di bloggare. Il lato oscuro di me è meglio non si palesi nel blog.
Il gattoblogger che sono ha il pelo ritto, le unghie sguainate e soffia. Chiuso in un angolo, aspetta che gli passi.
Il tizio qualsiasi che sono, invece, sorride, ma non scrive.

admin @ 11:19 am - Commenti (14)

May 15, 2006

Minipost: suocera ok

L’operazione è andata bene.
Anche il decorso post operatorio sembra procedere bene.

La nostra tensione è calata.
Fuori splende il sole. Le nuvole, che ci sono ancora, si sono allontanate un poco.

admin @ 10:35 am - Commenti (7)

May 11, 2006

Comica spaventata guerriera

Sarò banale in questo post che mi accingo a digitare.
Io amo mia moglie. Davvero e totalmente, senza privarmi del desiderio di critica (positiva o negativa che sia) tipica dell’idolatria amorosa, sento giorno dopo giorno di amarla con tutto me stesso.
Amare una persona è bello, piacevole e uno dei significati di una vita.
Amare una persona è anche dannatamente stancante. Così è per me.

Grazie ai prodigi dell’evoluzione amare una persona è sinceramente divertente, altrimenti la stanchezza mentale (oltre che fisica nei casi fortunati) derivante sarebbe eccessiva e insopportabile.

Ora una breve premessa: nei giorni scorsi è stato deciso da un bravo chirurgo di sottoporre mia suocera a un intervento chirurgico, a fine di questa settimana, per estirpare qualcosa che non si è capito cosa sia a parte il fatto che non dovrebbe esistere.

Mia moglie ha reagito bene.

La guerriera è emersa potente e fiera dai suoi occhi verdi. Come armatura ha scelto dei nuovi zoccoli con suola gommata presentati a me come l’ideale soluzione a colei che si appresta ad accompagnare nelle peripezie ospedaliere una paziente; buoni per il giorno e la notte sono il calzare ideale e l’unica corazza che la separa dal nemico in qualunque forma vorrà presentarsi.
Inoltre per mia moglie ogni occasione è giusta per comprare un paio di scarpe, di sandali, di ciabatte o, per la prima volta da quando la conosco, di zoccoli.
Il segno distintivo scelto è stato un deciso accorciamento della capigliatura: pratico e splendido su di lei (ma il mio è un giudizio di parte non solo perché l’amo, ma per un mio gusto personale nell’essere attratto dai capelli corti femminili).

Mia moglie è spaventata. Non voglio in alcuna maniera intendere che la "paura sia donna": la paura è animale e istintiva e per questo umana. Mia moglie ha deciso di arginare le preoccupazioni e le paure del futuro di sua madre dal loro primo apparire. Non me ne ero accorto, ma questo incapsulamento costante a livello emotivo è decisamente selettivo: in sostanza riesce a rinchiudere e a non provare determinate paure e preoccupazioni lasciando relativamente libere le altre quotidiane. Questo comportamento, per quanto protettivo nei miei confronti, ha sbiellato completamente la sua non eccelsa capacità organizzativa di prevedere i bisogni e le esigenze familiari e professionali nel loro complesso. D’improvviso me ne sono accorto.
Forse la mia precedente e veloce analisi è del tutto sbagliata. In ogni caso se dietro una grande donna c’è un grande uomo, questa mattina ho avuto l’illuminazione che qualcosa nella nostra coppia era destinato a modificarsi. Per forza di cose avrei dovuto immedesimarmi nel ruolo di grande uomo mio malgrado e nonostante la stanchezza certo derivante. La guerriera, cioè l’elemento forte della coppia (escluso il gatto), non solo ha bisogno di un affabile scudiero, ma sul campo ha l’evidente bisogno di un affidabile caporale. E così questa mattina, poco a poco me ne sono reso conto, ho indossato i panni del decisionista e ho iniziato una nuova attività: parlando con mia moglie ho iniziato a usare i verbi coniugati all’imperativo (non propro categorico, ma pur sempre inusuale per la comunicazione da me verso di lei).
Ha funzionato.

Comica. Insieme ci divertiamo molto e ridiamo. Spesso lo facciamo per sciocchezze e forse a sproposito, ma due persone che si amano e che amano ridere insieme dopo anni di vita accanto sono (è) una gran bella cosa. Nel caso specifico di questo post il comico è stato vedere mia moglie passare la mattinata a occuparsi delle tende e dei vetri: ha cambiato tutte le tende di casa, ha ficcato in lavatrice quelle tolte e ha lavato tutti i vetri (esterni e interni). Qualcosa nel suo cervello ha fatto crack: la guerriera era momentaneamente senza nemici e la spaventata era in ritiro spirituale. Il crack ha generato la comica vestita di un elegante pigiama rosato a fiori, l’ha armata di spruzzino per i vetri e l’ha fortemente motivata a impegnarsi in una faticosa e robotica ginnastica psicofisica (lavare i vetri -bene- impegna molto anche l’attenzione e di riflesso la mente) di rilassamento e distrazione. Sembrava ipnotizzata. Inutile sottolineare che questa mattina avrebbe potuto (dovuto?) usare quelle ore in ben altre maniere visti gli impegni della sua decisione di gestire in regime di autarchia la madre che rimarrà inferma per chissà quanto tempo. L’impegno di tempo ed energia che ha deciso di assegnarsi è encomiabile e l’appoggio in pieno, sia chiaro. Però, come dire, la guerriera mi è apparsa bendisposta e al tempo stesso incapace di organizzarsi in assenza di ordini (e da questa riflessione il mio riferimento allo sposo che volente o dolente deve farsi caporale al bisogno).

Post sconclusionato. Incarna il tentativo di rischiararmi le idee dopo questa giornata impregnata di scelte apparentemente improrogabili. Per il bene di mia moglie e per il mio. Per il nostro bene, perché ho la visione simbiotica dell’amore: allo star bene dell’uno corrisponde uno star bene dell’altro e alla confusione dell’uno deve corrispondere la lucidità dell’altro. Il fine e unico scopo è un comune sorriso.

È stato più facile di quanto credessi. L’unico mio pensiero è quello di non prendere l’abitudine a dare ordini a mia moglie, intendo "ordini" per modo di dire e spero sia ovvio al visitatore. È alquanto noioso.

Per riorganizzare la soddisfazione delle esigenze familiari (in sostanza: occuparsi di tutto e di più) ho violato una regola ferrea che da sempre mi sono dato in relazione alla gestione dei computer (io preferisco quella che recita: prendere a pugni una stampante che si ostina inspiegabilmente a non funzionare per quanto piacevole, e lodevole solo in privato, è sfortunatamente inutile).
Ho iniziato a prendere appunti sulle cose da fare per la degenza di mia suocera, la sua cugina da passare a prendere il giorno dell’operazione (a quanto pare è tradizione che l’arzilla signora sia presente per ogni operazione chirurgica alla quale viene sottoposto il parentame [appunto personale: interessarsi e approfondire eventuali altre tradizioni e verificarne la probabile insensatezza senza sarcasmo e/o ironia], il rientro della suocera, la gestione di casa sua, la permanenza della figlia a casa della madre (ed eventualmente mia e quindi del gatto), uno scaldabagno da fare revisionare, l’armadione di casa nostra da riordinare (parrà strano, ma è un mio cruccio da almeno due anni) eccetera eccetera eccetera.
La violazione è che ho profanato il bordo del video di questo pc con dei foglietti adesivi. Mai in tanti anni avevo ceduto alla tentazione dei post-it attaccati allo schermo. Oggi è accaduto anche questo. Vivendo si cambia e anch’io cambio. Persino il gatto cambia col passare del tempo.

Questa prima parte di anno è stata un concentrato di innovazioni e cambiamenti. Molte abitudini cosolidate di carattere lavorativo, alimentare, interpersonale e altro sono state modificate dall’oggi al domani o sono in procinto di esserlo con attenta consapevolezza (nel limite delle nostre risorse). La mia stanchezza aumenta, è indubbio, ma viene bilanciata da un sano entusiasmo per la vita; o almeno così mi sforzo di credere per ‘fanculare* allegramente la possibile ansia in agguato.

*’fanculare – nota al visitatore
In questi anni di blog ho tentato di usare un lessico mondato di ogni parolaccia. Nello specifico caso credo di potermi permettere finalmente uno strappo alla linea editoriale del mio bloggare: l’ansia per il futuro spesso si merita al termine di un post un ‘fanculo preventivo e liberatorio.

admin @ 2:12 am - Commenti (14)

May 5, 2006

Viva gli Alpini

Oggi due Alpini in missione all’estero sono caduti.

Il motto del Battaglione Alpini “Susa” era:
A brüsa suta al süsa
Il motto del 3° Reggimento Alpini (nuovo inquadramento del Battaglione) è:
Altius tendo

admin @ 7:18 pm - Commenti (2)

May 4, 2006

Ancora ospedali e dintorni

Quest’anno mi sento carico di vitalità fin dagli esordi.
E’ un fatto positivo. Mi aiuta nella costante preponderante di questi primi mesi: gli ospedali.

Dopo il passaggio ospedaliero di mia madre, il mio, quello di una cara amica (del quale credo di non aver digitato una parola sul blog) e del mio vicino di casa… ora toccherà a mia suocera.

Qualcosa di serio da tirarle fuori.

Se continua così: a fine anno dovrò fare un intervento di plastica riduttiva alle ba**e.

admin @ 9:11 am - Commenti (6)

May 1, 2006

Vibrisse da supermercato

Mi appunto un commento lasciato in calce a questo post di giuliomozzi in Vibrisse, bollettino relativo alla possibilità di un vibrisse di carta (il collegamento porta a tutti gli interventi relativi al progetto) con distribuzione nelle edicole.

– – –

Giulio,
come mio solito non ho ben capito.
La nuova rivista dovrebbe essere una sorta di Best Off mensile (e mi riferisco alla pubblicazione annuale su carta e non al blog di segnalazioni che ospiti – lo specifico perché in prima lettura avevo inteso quel best off riferito al blog ed ero fuori strada).
La fai già. L’opera di appuntarti il “meglio di” la porti avanti già per il Best Off cartaceo, quindi la nuova rivista sarebbe una sorta di blocco note dove appuntarti la selezione dei materiali per la pubblicazione annuale?
Ma così pensando non capisco come possa modificare vibrisse, bollettino (il blog, le pagine web o in somma quel che è) l’esistenza di una vibrisse, rivista.
Del resto nemmeno mi serve e mi interessa capire tutto e subito (per una volta) accecato come sono dalla curiosità di vedere gli eventuali (scongiuri di rito) sviluppi di questa bozza.

Per il resto:

Specifico che non ho mai comprato una rivista letteraria, se non la rinata Robot, con tutto quel che oramai la rete mi offre. Una volta mia moglie è tornata a casa col Domenicale.
Soprattutto specifico che all’edicola interna o a quella esterna ai due supermercati dove sono solito fare la spesa non ho mai trovato una rivista letteraria di alcun genere, e pensare che a me piace spulciare le edicole.

Ecco: farò tutto il possibile per esserti di supporto, però ti suggerisco di chiedere all’editore-distributore se considera l’ipotesi di far raggiungere le mie edicole di riferimento dalla “tua” nuova Vibrisse, perché a piedi in centro a gironzolare fra le edicole a chiedere giorno per giorno se è arrivata non vado di certo.

A me vibrisse, rivista piacerebbe se potesse anche essere un mensile da supermercato di letteratura (e non, o eventualmente non solo, un mensile di letteratura da supermercato). Chissà, forse attirebbe una più vasta letteratura sugli scaffali della libreria interna ai supermercati (assai improbabile).

Nota a margine fuori tema:
Nella libreria interna all’aeroporto di Bilbao (Spagna) ho trovato la traduzione in spagnolo di tre soli autori italiani: Eco, Camilleri e Faletti. E pensare che Faletti me lo ricordo su Antenna 3 vestito da suora obesa accanto a Teocoli.

– – –

Per favore, eventuali commenti qui

admin @ 7:33 pm - Commenti (2)
Email: gattostanco @ gmail.com
FeedBurner:  GATTOSTANCO FEED powered by FeedBurner

gattostanco ...appunti (sospeso)
gattostanco FriendFeed
BlogBabel - BlogItalia - Wikio
Memesphere - Filter 4.0

Ultimi commenti

  • iso: Tutti i blog muoiono prima o poi
  • luca nonno lodi: Che meravigliosi ricordi! Il COF all’anice, alla menta o al tamarindo li rivedremo mai più??...
  • Ibadeth: Gatto stanco, che fine hai fatto? Non scrivi più?
  • NEVIO MICHELOTTI: le offerte si trovano. le reclami sono belle,ma i risultati spesso deludenti.quando vuoi reclamare...
  • NEVIO MICHELOTTI: avevo alice analog è stato offerto alice voce non probemcon offerta del decoder (ANNO2006) il...

Trackback:

Poltrona del gatto

Chi sono?
Il Tao della Suocera
La Blogfoucauld

 AZIONISTA IMMANET - NET TO BE di ROBERTO GRASSILLI

Ospitato da Anomalia grafica
Template by Principe
Traduzione in giapponese (KutaKuta Neko) di Gilgamesh
Favicon di Ted

Cerca in gattostanco

Blogosfera

Black Cat
Annarita
Anomalia Grafica
calzino spaiato
(C)assetto Variabile
Cletus
DElyMyth
eiochemipensavo
Gaspare
giuliomozzi (sospeso)
Grassilli Warehouse
kimota
La pupa c'ha sonno
Louie
Marco Candida
marcoscan
Myst
night passage
Papino & C.
Perché no?
Principe
Radici dell'ozio
Scopriamo l'acqua calda
Shangri-La
Un altro tempo
8:49 pm
Alessandra Galetta
All about nothing
Akatalepsia
Andrea Beggi
Bloggo Intestinale
Blog Notes
Blogsenzaqualit
Bottega di Lettura
Cabaret Bisanzio
caracaterina
Ciccsoft
Corax
Daveblog
Debito di sonno
Deeario
diario di Untitled io
Diario Semistupido
Dorigo - in inglese
eCuaderno - in castigliano
EmmeBi
Errore 404
Falso Idillio
Gaspar Torriero
Gattusometro
Giavasan
Gilgamesh
Giovani Tromboni
Giovy's blog
giuseppe genna
gruppo h5n1
Haramlik
Herzog
Il Mignolo col Prof
il mio karma
il Morso della Vipera
il sentiero giusto
il Tao dei blog
iMod
Incipiterazioni
Inkiostro
Intempestiva
jtheo
Kurai
letturalenta
Luca Conti
Luca De Biase
mae*
Macchianera
Manteblog
.Mau.
MeicheNada
Momoblog
Nyft
Numerabile
officialsm
Paese d'ottobre
Paolo Valdemarin
Pandemia
Pasta Mista
Peluche - in castigliano
PensieriInecCesso
Personalità Confusa
Phoebe
Placida Signora
Quasi.dot
Qix
Rael
Ramon Ananos - in castigliano
Reflexiones e irreflexiones
Rolli
Sai tenere un segreto?
Salgalaluna
Scintilena
Secondo Piano
Sergio Maistrello
SmokingPermitted
Stefano Salvi
Squonk
Surreale
Terre Alte
To drown a rose
Tom
Uccidi un grissino
Webgol
Vibrisse, bollettino
Wittgenstein
vogliaditerra
xantology
Zio Burp
Zop
Zu

Varie

Feed by gattostanco
RSS Atom
Commenti
RSS parziale

Feed by FeedBurner


Blog link by Technorati

Wikio - Top dei blogs





 STATISTICHE

porticina: Login