Archivio per December, 2007

December 25, 2007

Minipost: Natale come un rap

Un Natale al 100% è come un rap di jovanottiana memoria (1991).

50 contenuto
50 movimento

admin @ 11:49 pm - Commenti (18)

December 22, 2007

Post natalizio

In casa l’atmosfera non è tipicamente natalizia, ma siamo relativamente sereni. Verranno il giorno di Natale mia suocera (farò da autista) e un paio di parenti di mia moglie. A parte questo consueto scambio di visite che da anni oramai “allieta” il mio Natale, stiamo abbastanza bene. Mia moglie è fusa come prima, ma poco a poco sembro fare l’abitudine alla situazione. Soprattutto vedo piccoli cambiamenti e una fioca luce in fondo a questo suo momento di crisi (o magari soltanto ci spero).

Riguardo al mio lavoro, dopo essermi dato abbastanza da fare cercando di costruirmi un vagone a mio piacimento da prendere sul binario delle occasioni, inaspettatamente ho visto passare una vecchia littorina in senso contrario. Non ho resistito alla tentazione di salire in corsa per vedere dove mi avrebbe portato. Per male che possa andare, a gennaio scenderò.
In realtà è soltanto una vaga e remota possibilità che possa trasformarsi in qualcosa di concreto e duraturo. Però mi sta dando modo di passare il tempo libero studiando e approfondendo argomenti a me del tutto estranei. Mi ha dato una bella scossa.

La blogosfera l’ho seguita poco o niente in questi ultimi giorni. Mi dispiace moltissimo. Mi è venuto a mancare un bel quantitativo di divertimento. Devo aver pazienza.
Ho visto di sfuggita qualche segnalazione interessante. Magari ne digiterò in proposito.

…Buon Natale

admin @ 12:18 pm - Commenti (16)

December 15, 2007

Minipost: click day

Questa mattina ho assistito da spettatore (con funzioni di amuleto portafortuna ‘salva connessione’) al primo “click day” relativo al decreto flussi indetto dal ministero competente (se l’occasionale visitatore non ha idea di cosa stia parlando, poco importa). In realtà si è trattato di un click “moment” fissato sull’ora ufficiale dell’orologio del Ferraris di Torino e prolungatosi per circa un’oretta 🙂
In una gelida, ma accogliente, sede di una associazione la mia buona azione in vista del prossimo Natale l’ho fatta.
Ora, rincasando sono persino passato dal fruttivendolo, sono stanco e devo riposarmi un poco.

admin @ 10:29 am - Commenti (6)

December 13, 2007

Minipost: il primo Roberta non si scorda mai (neanche il secondo, a essere sincero)

Tra i sederi “Roberta” preferisco ancora quello storico di Rosa Fumetto.
Nata per caso la curiosità nei commenti al post precedente, ho trovato questa pagina (Palcoscenico) dove è possibile, mi si perdoni il gretto maschilismo analitico, “comparare” in un colpo solo i diversi ‘modelli’ (non credo si possa parlare di ‘modelle’ :D) dal 1983 in poi.

Probabilmente, a distanza di vent’anni, al primo sedere nei miei ricordi si è aggiunto, facendone uno solo, quello di Susan Martin (1988). Meraviglie della memoria …io che dimentico sempre tutto.

…nota agli eventuali commentatori: chiamatelo sedere. Chiamatelo cu*o (l’asterisco per Go*gle ed evitare così arrivi di persone che cercano contenuti a tinte forti). Però, per piacere, non chiamatelo “lato B”.

admin @ 11:56 am - Commenti (5)

December 12, 2007

Supermarket (non l'ho letto)

Spero mi perdonerà Renato Di Lorenzo, l’autore del giallo a tinte lolite “Supermarket” per Foschi Editore, se oso digitare attorno al suo ultimo libro senza averlo letto e infarcendo il post di divagazioni.

L’autore stesso me lo ha segnalato. Una missiva generalista inviata, ipotizzo, a un buon numero di indirizzi scovati in rete manualmente. Anzi la seconda. …La prima mi aveva incuriosito e invogliato a girovagare per la rete a farmi un’idea meno abbozzata dell’autore. Poi mi sono distratto e segnalai un bel nulla.

Questa seconda email è più complessa e articolata, o così mi pare, e giunge in un momento in cui sono ricettivo in modo particolare a taluni temi. Dovrei rispondere a ben altre lettere ricevute nei giorni scorsi, alcune delle quali non ho neppure ancora aperto, ma ora non voglio andare proprio fuori tema.

La protagonista gira per Milano sopra un vecchio Ciao malridotto. Attività ai miei occhi provinciali già abbastanza pericolosa senza neppure entrare nella trama del giallo. …Tanti anni addietro ebbi modo di usare per alcuni giorni il Ciao della mia morosa del tempo. Pioveva e finii in un pozzangherone e il motore si spense. Una faticaccia ritornare a casa un po’ spingendo e un ‘po pedalando (nota al all’eventuale visitatore di giovane età: il Ciao era un ciclomotore dotato di pedali).

La protagonista era arrivata nella grande metropoli per studiare in una prestigiosa università privata. …A margine aggiungo che lavorare per certe università porta l’interrogativo sui pagamenti. Conosco una persona a me assai cara che deve ricevere ancora il suo giusto e misero compenso a distanza di un anno. Sembra che una responsabile amministrativa abbia trovato finalmente lavoro a tempo indeterminato e che abbia lasciato una certa baraonda abbandonando il proprio impiego provvisorio. Posso capire che certe prestigiose università utilizzino personale docente precario e finanche spesso senza le dovute competenze o le dovute ore per offrire un insegnamento di qualità o neppure soddisfacentemente retribuito da consentire una dedizione rispettabile. Trovo inspiegabile, invece, che certe prestigiose università private siano così poco efficenti e poco lungimiranti da affidare l’amministrazione finanziaria a personale mordi e fuggi che, ovviamente, se ne frega.

La protagonista è cresciuta nell’Oltrepò Pavese. … Terre variegate e molto belle. Un ristoro dalla malinconia del vivere in pianura.

La protagonista viene inglobata dal mondo della pubblicità grazie alla superba qualità del proprio sedere (chiamarlo “lato-b” è cafone e ipocrita a mio parere. Non lo chiamo cu*o soltanto per evitare arrivi inutili attraverso Go*gle). …Di Lorenzo, mi pare d’aver intuito, crea un simulacro di quel fondoschiena che anni orsono sconvolse la mente degli italiani così simpaticamente sormontato da una lunga treccia bionda (se ben ricordo, sulla treccia ben difficilmente mi cadeva l’occhio, anche se era parte del tutto di cui era composta l’immagine pubblicitaria). Operare un collegamento così esplicito con i ricordi del potenziale lettore è forse artificio mercenario per suscitare attrazione da parte dello scrittore al suo romanzo; ma questo non significa che sia malevolo, ma anzi.

La protagonista, finita l’esperienza pubblicitaria per sopraggiunti limiti di età del suddetto sedere (trent’anni), apre una agenzia investigativa. …Nota: non desidero polemiche. Un cu*o di trent’anni non è certo ‘vecchio’ per me e probabilmente, presumo di poter immaginare, neppure per l’autore. Ma il mondo della reclame è tutt’altra cosa ed è verosimile che la modella protagonista sia stata esclusa dal giro.

Nel romanzo ci sono altri personaggi più o meno torbidi e gioca un certo ruolo una violenza subita in tenera età da parte della protagonista …la Milano Bevuta (una volta era ‘da bere’) da una parte e la tematica sempreterna dall’altra che ha negli ultimi tempi toni giornalistici sempre più da cronaca e sempre meno da denuncia. …Si tratta di tematiche spesso riproposte, in un modo o in un altro, nelle mie ultime letture persino fantascientifiche. Forse negli anni precedenti avevo le fette di mortadella sugli occhi o semplicemente e incrociavo narrazioni coinvolgenti il lettore in esperienze al massimo maliziosette e comunque molto limitate.
Sarà il fatto che da giovane il massimo era un degno toga party segretamente organizzato o una giornata trascorsa in piscina da concludersi altrove: robe carnali nelle intenzioni visive e non solo, ma ingenue e nella sostanza allegre. Ora invece le ragazze sono -anche- artificiali dentro i videogiochi tematici scaricati da tutto il mondo. E spesso non sono neppure ancora ragazze. Sorprendente (sono ingenuo). Ovviamente un videogioco avente come scopo l’interazione con una moglie (o un marito), però, credo non esista ancora (nota a margine sulla quale prima o poi dovrei postare, sempre che non l’abbia già fatto qualcuno: trovo estremamente ingiusto che i punti marito valgano poco o nulla confrontati con i punti moglie che quotidianamente le coppie si scambiano. Sembra il rapporto euro-lira peggiorato dai dati fasulli sull’inflazione. Un mio conoscente al proposito usa fare il confronto tra l’aspirazione di diventare uno schiavo domestico alla realizzazione di essere un domestico schiavo, ma non ho idea da dove abbia preso questa riflessione).

Infine.
Non ho idea se lo leggerò, ma mi ha ispirato simpatia il modo di porgersi dell’autore (persona che ha scritto saggi finanziari, romanzi e persino un manuale su come scrivere bestseller).
Per abitudine linko i libri alle pagine offerte dai siti degli editori, ma ovviamente anche questo è disponibile da internetbookshop.it…

Una pecca. La chiusa della email. Mi disturba leggere frasi di questo tipo: “lontano dal rumore dei blog, dove spesso si finisce per dire solo delle sciocchezze”. E perché allora scrivermi? Non posso certo ritenere una eccezione questo mio blogghettino dove praticamente sempre finisco per digitare delle sciocchezze (ma, immeritatamente, ho grandi commentatori, questo è vero). Comunque la considero una pecca marginale, un modo per donare una sensazione di intimità col destinatario, e forse pensata in un eccesso di marketing.
A parte gli scherzi, un post per quanto sbiellato possa essere da venir considerato una sola globale sciocchezza, se dedicato a un libro lo considero sempre cosa buona e giusta (a parte quando svela troppo, ché non sopporto le recensioni che invece di recensire, riassumono la storia).

admin @ 12:21 pm - Commenti (7)

December 11, 2007

Benvenuto Giorgio

Alle volte le coincidenze…
Leggo da un sacco Giorgio e ora siamo anche diventati vicini nel condominio blogosferico di Dario.

A proposito di cosa blogga Giorgio?
Di tutto un po’, a modo suo, estremamente bene. Letteratura, politica e viver quotidiano.

Credo che nessuno tra i suoi post possa rivelarsi una lettura inutile. Di certo non lo è il suo calendario 2008.

Giorgio Tesen

Chissà chi sarà il prossimo nuovo inquilino… mah.


Il link nella barra laterale lo cambio appena ho testa.

admin @ 7:09 pm - Commenti (3)

December 9, 2007

Per avere un blog su diludovico.it

Dario, il propietario del pregiato condominio blogosferico che mi ospita e accoglie, ha aperto le porte a nuovi ingressi.

😀
Purtroppo la mia mozione espressa nell’ultima riunione condominiale per una selezione aperta degli aspiranti (e delle aspiranti :D), basata sul voto di tutti e non in rapporto ai millesimi di blog, non ha avuto la maggioranza (infatti Dario detenendo i mille millesimi dell’intero condominio ha deciso che decide in prima persona e mi ha ordinato di andare a spazzare le scale senza neppure darmi modo di mugugnare). Quindi lasciare commenti o scrivermi risulterebbe del tutto inutile (forse passare attraverso le blogstar residenti, potrebbe aiutare -che si assumano gli oneri della loro condizione, tiè-). …Davvero un peccato. Ci sarebbe stato da divertirsi. Sarebbe stato ganzo fare una sorta di azione massonica in privato. Una specie di gara alla raccomandazione. Un ricercare nuovi adepti tra le quinte della blogosfera. E invece niente di tutto questo.
😀

Semplice: basta scrivergli e provare a chiedere.

admin @ 3:13 pm - Commenti (12)

Megapost: per smuovere il blog

Premessa
La prima parte tratta dei fatti miei. La seconda di qualche libro. Il tutto digitato un po’ a caso, senza cura. Sono convinto non valga il tempo neppure di farlo scorrere -in fondo ad esso, però, il visitatore abituale che s’interessa di fantascienza troverà un paio di link che potrebbe considerare interessanti-.
Il seguente post l’ho buttato a video per riprendere il blog. Per smuoverlo un poco dalla sospensione.
Devo ancora aprire la posta degli ultimi giorni, anch’essa sospesa.
Sono ancora fuori allineamento con l’universo. Ancora sospeso.

Domenica a casa da solo col gatto.
Niente pranzo domenicale dalla suocera. Sorridendo, senza discussioni.
Ancora prematuro dire se la nostra situazione sia meglio o peggio. In evoluzione. O forse neppure in evoluzione. Ho solamente accantonato la dieta, come unico evidente risultato apprezzabile.
Ero ancora un poco incerto se la crisi di mia moglie fosse in realtà mia (anch’io sono in crisi, certo, ma si tratta di una crisi di riflesso alla sua). Poi una delle scorse mattine è tornata dalla parrucchiera con una bella testa (tanto che mi sono subito prodigato in complimentazioni vere e sentite) fuori e una testa malconcia (tanto da sembrarmi d’essere riuscita a stento a sottrarsi a qualche evento traumatico) dentro. Poi ha sbottato. Dalla sua descrizione la parrucchiera è diventata una perfida Sith maestra del lato oscuro che le aveva marchiato i capelli col colore del disonore e della sconfitta: inaccettabile. Io da semplice apprendista Jedi mi sono trovato nella condizione di arginare gli sbandamenti della Forza dentro la mia maestra in preda a una estroflessione d’isterismo acuto da tinta sbagliata. La prima volta che la vedevo in quello stato per una faccenda del genere. Per un minuto era una bimbetta capricciosa e per il minuto seguente era una arpia pronta alla vendetta. Una mezzoretta proprio complicata. Poi siamo andati da un’altra parrucchiera e io l’ho aspettata fuori per precauzione (saperla al volante in quello stato era impensabile) cullandomi in uno spropositato smarronamento annoiato. Poi l’ho trascinata in uno store di quella catena d’abbigliamento spagnola che vende principalmente, se non erro, prodotti fatti in Cina (sperando non siano tossici come i giocattoli). Con la nuova tinta e un paio di golfini si è infine calmata. Ha comprato persino un vestitino (orrendo, ma le ho detto che era meraviglioso) e ha finalmente sorriso.
Il mio parrucchiere mi taglia i capelli come vuole (e come può, costretto tra pessima materia prima, un paio di rose che spingono i capelli dove vogliono e una mia radicata incapacità a pettinarmi). L’unica persona che posssa toccarmi la testa senza che abbia un moto di fastidio, anzi mi rilassa. E mi ascolta. Mi ha spiegato infatti che alla scuola per parrucchieri insegnavano un po’ di psicologia spicciola. Non vedo l’ora di andare in settimana a farmi tagliare i capelli per parlargli delle mie problematiche coniugali. Peccato non possa portare a casa il calendario con le donnine (sempre un ottimo belvedere sono i suoi, anche se non sceglie personalmente le foto), mentre dovrè accontentarmi di quello per famiglie che quest’anno (ho visto il modello di prova) è simil-cinese (tipo quelle raffigurazioni impresse su listelle di legnetto da appendere alle pareti che andavano di moda negli anni ’70 e che anch’io mi ricordo in casa proprio accanto alla ‘vacca iuvent*na’ -così buonanima di mio padre chiamava la pelle bianconera acquistata da mia madre e che per qualche tempo bivaccè in sala prima di essere nuovamente sostituita da un tappeto-). Gli compro spesso fialette e robe varie (qualche volta persino le adopero): se pago per la sua opera di simpatico tagliacapelli, reputo doveroso ricompensarlo per la sua funzione di serio strizzacervelli.

Ho comprato qualche libro.
Volevo evitare di leggere in questo periodo, ma come potrei rimandare una simile costante tentazione?

Nero Wolfe contro l’Fbi non l’avevo ancora letto. Io adoro quel personaggio. Riesco a mantenerlo vivo senza abbuffarmi di tutti i suoi casi in poco tempo. La vecchia serie televisiva, non mi stancherò facilmente di ripeterlo, non ha nulla a che vedere coi romanzi ai quali s’ispira, a mio parere. Fortunatamente è da tempo che non mi capita di vederla ritrasmessa.

Restando in tema televisivo, ho preso anche un romanzo per leggere un caso del commissario Soneri. Ho visto un paio di episodi della precedente serie di Nebbie e Delitti e li avevo moderatamente graditi più che altro perché ambientati in luoghi e climi diversi dalle solite regioni che normalmente ospitano le produzioni televisive nazionali (anche se chissà perché le parlate napoletane o romane, tanto per fare un esempio, vengono riprodotte in tv, mentre quelle del nord mai. Ricordo Vento di Ponente dove i genovesi parlavano tutti un perfetto e asettico italiano standard senza alcuna inflessione. Ridicolo).
A mia moglie piace anche anche la seconda serie in onda in questo periodo. E allora incuriosito mi sono deciso a leggere almeno uno dei romanzi ai quali si ispira.

A proposito di Genova, ho regalato alla gattoconsorte Mi sono perso a Genova. Una sorta di poetica guida fotografica alla città con intermezzi scritti (o viceversa, dipende dal punto di vista). L’ha sfogliato mezzo minuto per dimenticarsene in giornata. Invece io penso l’apprezzerò: ho trovato gustoso il riferimento soffuso al mitico maniman genovese all’inizio di un capitoletto.

Ieri sera ho finito Gli umoni vuoti, l’Urania di dicembre. Un po’ palloso, penso più per totale difetto mio che del libro stesso. Portato avanti sopra due binari paralleli ho smesso presto di seguirne uno saltando i capitoletti ad esso dedicati. Forse ho scelto il binario sbagliato (nell’altro c’erano formule matematiche e un vago argomento d’amore e allora ho scelto quello che apparentemente mi sembrava piè d’azione e distraente dai miei pensieri amorosi). Il telepate del romanzo viene assalito continuamente e dolorosamente dai pensieri altrui (un classico della telepatia fantascientifica) e l’autore ne riporta un sacco di occasionali creando tante microstorie in prospettiva, tralasciando di creare in modo completo il proprio personaggio (questa è la mia sensazione, profondamente viziata dal fatto di aver saltato nella pratica quasi metà romanzo -che modo stupido di leggere, dovrei vergognarmene-), mentre l’azione si svolge con salti inverosimili e sfibranti per me che leggevo. Forse un giorno rileggerò il tutto con l’aggiunta della metà evitata.
A volte quando non si ha testa converrebbe rimandare una cosa piuttosto di farla partendo senza l’umore adatto e rovinarla.

Ho comperato anche la Luce di Orione. Non sono un fan di Eymerich, personaggio intrigante e ben costruito amato da molti, ma la curiosità ha prevalso nel voler leggere anche questa storia nei prossimi giorni. Di Evangelisti preferisco la fantascienza, più che la fantareligione.
Ero a Tortona per computer (da Pavia parto e vado ancor più lontano per andare a farmi tagliare i capelli, quindi non appaia insolito all’occasionale visitatore che vada oltre regione per ragioni informatiche) e sono entrato in una libreria per caso, per fare passare un po’ di tempo che dovevo fare passare. Libreria Mondadori. Non mi ricordavo ce ne fosse una in centro (o da qualsiasi altra parte), ma la mia memoria conta nulla (per dire ho parcheggiato dove un tempo c’era la stazione delle corriere e mi sono reso conto della cosa soltanto nell’allontanarmi dall’auto).
In coda per pagare ho sentito quello che mi è parso il capo della libreria (quanto sono ancora librai i rivenditori di libri?) dire di essere appassionato di tutto quel che è nipponico. Ha descritto, da quel che ho capito, persino alcuni momenti di un suo viaggio in Giappone. Poi da qualche parte è spuntata una ragazza visibilmente stanca (o così a me è sembrata) inconsapevole che mi stavo gustando la conversazione e mi ha fatto pagare. Anche il libraio mi salutato mentre uscivo.
Tortona mi diviene aliena ogni anno di più. E inizia a piacermi, nonostante le assurde e pericolosissime (a mio parere di automobilista e non di esperto del settore) rotonde/rotatorie stradali. In un altro negozio in piedi a guardare fuori dalla vetrina (adoro guardare fuori attraverso la vetrina dei negozi: mi sembra molto più divertente del guardare dentro stando fuori) ho visto passare un blogger scrittore locale, superlativo da sempre. Sono rimasto impassibile. Mi ha visto. Mi ha riconosciuto, credo. Ha proseguito. Dopo due secondi è ricomparso facendo capolino (mi ha ricordato Jerry che si sporge dalla sua tana per osservare le mosse di Tom), quasi volesse accertarsi della solidità del suo primo fuggente riconoscimento. Poi si è ritratto e non l’ho più visto.

Sezione P-Quadro, l’Urania di Novembre. La fantascienza italiana mi piace. Sarò campanilista, lo ammetto, ma mi piace. Il romanzo, di Giovanni De Matteo, l’ho trovato per caso in una edicola fuorimano davanti alla quale passo raramente. Ero convinto oramai di essermelo perso. Di aver perso un’occasione. E invece no.
L’ho trovato non troppo cyberpunk da risultare estremo o monotono, per nulla forzatamente napoletano (la storia è ambientata a Napoli e dalle mie parti si tende a considerare tutto quel che è di quelle parti come fosse in Bellavista style) e non troppo poliziesco. Equilibrato e completo. E le citazioni e gli ossequi ad altri autori sono integrati e soavi (citare senza appesantire è un’arte).
Ho iniziato a leggerlo con una certa dose di quel distacco proprio del lettore superficiale a cui piacerebbe saper scrivere e che si chiede cosa mai sarè scaturito di meritevole dalla mente e dalle dita di un promettente giovane (una decina d’anni in meno di me) scrittore italiano (atteggiamento che normalmente non si istaura se lo scrittore di fantascienza è straniero, chissà poi perché -e anche lo sapessi mi sentirei sciocco ad ammetterlo-). Quando l’ho finito, soddisfatto e compiaciuto come potrei esserlo dopo una pantagruelica cena in buona e variegata compagnia, mi è venuta voglia di appuntarlo tra le buone letture che varrà un giorno il piacere rileggere (chissà quanti sapori non ho colto, dato che mi sono un po’ abbuffato invece di gustare ogni singolo boccone -il romanzo ne è ricchissimo, sia di sapori e sia di bocconi-). Rileggere… quel che ho di Gibson, tanto per rimanere in tema cyber, l’ho già riletto almeno una volta. Non è affatto una perdita di tempo rileggere.
In queste occasioni mi rammarico della brevità della vita di un Urania. Un mese e viene sostituito dal seguente negli espositori delle edicole (nota a margine: nell’edicola interna, non quella all’ingresso principale, del Bennet di Pavia l’Urania, quando c’è -ne ho visto al massimo una copia per volta-, viene inspiegabilmente mischiato ai fumetti per bambini). Me ne rammarico pensando che varrebbe la pena digitare dei post al riguardo, mi divertirei. E invece il libro spesso è già verso il limite estremo della sua vita quando vorrei… e allora mi prende la pigrizia (ben altra faccenda della stanchezza).
Nota al visitatore occasionale che non ha mai letto un Urania: per ovvie ragioni di mercato, l’ultima di copertina che racconta sommicapi di cosa tratta il libro è tratteggiate particolarmente in maniera acchiappagonzi (detto col massimo rispetto per la collana e per i suoi lettori), quindi suggerisco caldamente -secondo il mio sindacabilissimo parere- di leggerla mai prima di leggere il libro. A volte, prima di intestardirmi a seguire questo metodo di acquisto, mi capitava di aspettarmi cose che in realtà erano assai diverse nel romanzo. Per avvicinarsi all’universo della letteratura senza limiti suggerisco un moderato investimento di una decina di euro (due Urania e avanzano anche i soldi per due caffè per iniziare a sfogliarli subito). La fantascienza è ben viva anche fuori dagli universi di Urania, ma non altrettanto facile ed estemporanea per compiere un tentativo e lasciarsi prendere dalla curiosità con poca spesa (dandole sempre una seconda posibilità, per questo suggerisco ‘due’, ché la prima potrebbe non essere di gradimento e di solito le pubblicazioni ravvicinate sono diversificate nel genere e nello stile per soddisfare un po’ tutti i palati. Se poi capitano due romanzi che fan schifo, non me se ne dia la colpa. Capita: si tratta di letteratura, mica dei risotti di mia moglie -perfetti per definizione e per una buona dose di dogmatismo permeabile alle libere opinioni, se acritiche-).
L’autore blogga da anni. Non l’ho mai seguito. Qualche puntatina, però casuale (lo ammetto, sono connettivista a mio modo ih ih ih) (…’connettivista’? …intendo nel senso di connettivismo del quale l’autore è, cito la mini biografia uranica, tra i principali animatori e fondatori).

admin @ 2:33 pm - Commenti (4)
Email: gattostanco @ gmail.com
FeedBurner:  GATTOSTANCO FEED powered by FeedBurner

gattostanco ...appunti (sospeso)
gattostanco FriendFeed
BlogBabel - BlogItalia - Wikio
Memesphere - Filter 4.0

Ultimi commenti

  • iso: Tutti i blog muoiono prima o poi
  • luca nonno lodi: Che meravigliosi ricordi! Il COF all’anice, alla menta o al tamarindo li rivedremo mai più??...
  • Ibadeth: Gatto stanco, che fine hai fatto? Non scrivi più?
  • NEVIO MICHELOTTI: le offerte si trovano. le reclami sono belle,ma i risultati spesso deludenti.quando vuoi reclamare...
  • NEVIO MICHELOTTI: avevo alice analog è stato offerto alice voce non probemcon offerta del decoder (ANNO2006) il...

Trackback:

Poltrona del gatto

Chi sono?
Il Tao della Suocera
La Blogfoucauld

 AZIONISTA IMMANET - NET TO BE di ROBERTO GRASSILLI

Ospitato da Anomalia grafica
Template by Principe
Traduzione in giapponese (KutaKuta Neko) di Gilgamesh
Favicon di Ted

Cerca in gattostanco

Blogosfera

Black Cat
Annarita
Anomalia Grafica
calzino spaiato
(C)assetto Variabile
Cletus
DElyMyth
eiochemipensavo
Gaspare
giuliomozzi (sospeso)
Grassilli Warehouse
kimota
La pupa c'ha sonno
Louie
Marco Candida
marcoscan
Myst
night passage
Papino & C.
Perché no?
Principe
Radici dell'ozio
Scopriamo l'acqua calda
Shangri-La
Un altro tempo
8:49 pm
Alessandra Galetta
All about nothing
Akatalepsia
Andrea Beggi
Bloggo Intestinale
Blog Notes
Blogsenzaqualit
Bottega di Lettura
Cabaret Bisanzio
caracaterina
Ciccsoft
Corax
Daveblog
Debito di sonno
Deeario
diario di Untitled io
Diario Semistupido
Dorigo - in inglese
eCuaderno - in castigliano
EmmeBi
Errore 404
Falso Idillio
Gaspar Torriero
Gattusometro
Giavasan
Gilgamesh
Giovani Tromboni
Giovy's blog
giuseppe genna
gruppo h5n1
Haramlik
Herzog
Il Mignolo col Prof
il mio karma
il Morso della Vipera
il sentiero giusto
il Tao dei blog
iMod
Incipiterazioni
Inkiostro
Intempestiva
jtheo
Kurai
letturalenta
Luca Conti
Luca De Biase
mae*
Macchianera
Manteblog
.Mau.
MeicheNada
Momoblog
Nyft
Numerabile
officialsm
Paese d'ottobre
Paolo Valdemarin
Pandemia
Pasta Mista
Peluche - in castigliano
PensieriInecCesso
Personalità Confusa
Phoebe
Placida Signora
Quasi.dot
Qix
Rael
Ramon Ananos - in castigliano
Reflexiones e irreflexiones
Rolli
Sai tenere un segreto?
Salgalaluna
Scintilena
Secondo Piano
Sergio Maistrello
SmokingPermitted
Stefano Salvi
Squonk
Surreale
Terre Alte
To drown a rose
Tom
Uccidi un grissino
Webgol
Vibrisse, bollettino
Wittgenstein
vogliaditerra
xantology
Zio Burp
Zop
Zu

Varie

Feed by gattostanco
RSS Atom
Commenti
RSS parziale

Feed by FeedBurner


Blog link by Technorati

Wikio - Top dei blogs





 STATISTICHE

porticina: Login