Se tu mi dimentichi

April 3rd, 2005

Se tu mi dimentichi – Pablo Neruda

Voglio che tu sappia
Una cosa.
Tu sai com’è questa cosa:
se guardo
la luna di cristallo, il ramo rosso
del lento autunno alla mia finestra,
se tocco
vicino al fuoco
l’impalpabile cenere
o il rugoso corpo della legna,
tutto mi conduce a te,
come se cio’ che esiste
aromi, luce, metalli,
fossero piccole navi che vanno
verso le tue isole che m’attendono.

Orbene,
se a poco a poco cessi di amarmi
cesserò d’amarti poco a poco.
“ Se d’improvviso
mi dimentichi,
non cercarmi,
chè già ti avrò dimenticata “

Se consideri lungo e pazzo
il vento di bandiere
Che passa per la mia vita
e ti decidi
a lasciarmi sulla riva
del cuore in cui ho le radici,
pensa
che in quel giorno,
in quell’ora,
leverò in alto le braccia
e le mie radici usciranno
a cercare altra terra.

Ma
se ogni giorno,
ogni ora
senti che a me sei destinata
con dolcezza implacabile.
Se ogni giorno sale
alle tue labbra un fiore a cercarmi,
ahi, amor mio, ahi mia,
in me tutto quel fuoco si ripete,
in me nulla si spegne né si dimentica,
il mio amore si nutre del tuo amore, amata,
e finchè tu vivrai starà tra le tue braccia
senza uscire dalle mie


4 Responses to “Se tu mi dimentichi”

  1. talkingfish on April 3, 2005 2:41 pm

    Neruda… uno dei più grandi.

    Negli ultimi tempi sto approfondendo la letteratura sudamericana: oltre a Isabel Allende, che leggo da sempre, sto cominciando a leggere Gabriel García Márquez, Manuel Vázquez Montalbán.

    E soprattutto Paulo Coelho, che mi ha cambiato completamente la vita.

  2. louie on April 3, 2005 2:47 pm

    Sai, ogni volta che provo a pensare ad un libro che mi ha cambiato la vita, mi blocco.
    Credo che ogni libro mi cambi la vita, o forse, sono io che cambio ad ogni libro.
    La letteratura è importante nella mia vita, l’ho sempre sospettato, ora lo so con certezza, anche se non mi dovesse riuscire di imparare a scrivere bene al punto di diventare uno scrittore, credo che la letteratura avrà sempre la stessa penetrante importanza.
    La letteratura dell’America Latina è una delle mie passioni. Permettimi di indicarti, tra gli altri: Borges, Osvaldo Soriano, Julio Cortazar (questi sono argentini), Amado (Brasiliano), Vargas Llosa (Cileno). Sono scrittori molto famosi, quindi non sto scoprendo l’acqua calda consigliandoteli, ma mi sembra che ad una persona come te (ipotizzo), questi testi potrebbero dare molto.

  3. talkingfish on April 3, 2005 3:49 pm

    I libri cambiano la vita, eccome.
    Se ne vuoi la prova leggi “Come un romanzo” di Daniel Pennac (il mio amato Pennac!), ti dimostrerà che i libri riescono davvero a cambiare il mondo.

    Grazie mille per i titoli.
    Darò un’occhiata la prossima volta che passo il libreria (spero il prima possibile). : )

  4. louie on April 3, 2005 9:53 pm

    Guarda che non volevo dire che i libri non cambiano la vita, ma che per quel che mi riguarda non mi è possibile dare ad un unico libro il ruolo di sconvolgitore.
    Non so bene, non mi ricordo, ma credo che “It” di King mi abbia fatto dire: però, quasi quasi scrivo anche io.
    Era solo ingenuità, ma è servita.
    P.s Io ti ho dato gli autori, se vuoi ti posso anche dare dei titoli.

Comments RSS

Leave a Reply

Name (required)

Email (required)

Website

Speak your mind

    About

    This is an area on your website where you can add text. This will serve as an informative location on your website, where you can talk about your site.

    Blogroll
    Admin