Il naufrago

August 19th, 2008

Il naufragio avvenne alle due di notte, in una sera di Luglio, in un luogo imprecisato. La mattina successiva fu svegliato dall’acqua di mare che gli lambiva le caviglie. Capii immediatamente di essere vivo e prigioniero.
Il primo giorno lo passò esplorano la terra su cui il mare in burrasca l’aveva depositato. Prima che fosse sera si rese conto di essere solo.
Il secondo giorno, svegliandosi da un sonno nervoso e contorto, si accorse che alcune casse, probabilmente provenienti dalla stessa nave che lo aveva visto passeggero, si erano arenate sul bagnasciuga. Si mise ad aprirle con la speranza di non essere l’unico naufrago sull’isola. Le casse erano piene di cibo. In una trovò una bottiglia di champagne.

Il terzo giorno iniziò a costruirsi un riparo per la notte. Pensava che nell’attesa degli aiuti avrebbe dovuto preservarsi nel miglior modo possibile.
Il decimo giorno finì di costruire un recinto attorno alla capanna. I relitto della nave nel frattempo gli aveva regalato alcuni libri, tra cui, ironia della sorte, anche una vecchia edizione di “Robinson Crosue”. Prese a riferirsi a sé stesso come a Robinson.

L’undicesimo giorno lo passò seduto su uno scoglio a scrutare l’orizzonte in cerca di una salvezza portata dal mare.

Il quindicesimo giorno iniziò a temere i essere perduto per sempre. Scrisse una lunga lettera d’addio alla moglie utilizzando le pagine bianche dei libri che aveva a disposizione.

Il ventesimo giorno si accorse di essere diventato un ottimo cacciatore e un provetto pescatore. Negli specchi d’acqua vedeva il suo viso e non lo riconosceva. La barba incolta, la pelle bruciata dal sole e i chili di meno lo confondevano. Si disse che Robinson era proprio un bell’uomo.

Il trentesimo giorno stappò la bottiglia di champagne e la sorseggiò con l’intento di festeggiare.

Il trentatreesimo giorno strappò un foglio di carta, ci scrisse sopra un messaggio e lo infilò nella bottiglia vuota di champagne. Prese la bottiglia e la lanciò con forza in mare.
Il messaggio diceva: Non cercatemi, sono libero. Robinson Crusoe.


Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

Name (required)

Email (required)

Website

Speak your mind

    About

    This is an area on your website where you can add text. This will serve as an informative location on your website, where you can talk about your site.

    Blogroll
    Admin