Un fine settimana di relax,

Un fine settimana di relax, un po’ di beauty farm per Papino: barba e capelli. Ero decisamente improponibile. Quasi quanto alarblog. Troppo lunghi i tempi di attesa per chi ha anche altro da fare quando decide di scrivere qualcosa. Devo dire che ci ho provato. Ho cercato di resistere ma alla fine…
La decisione non è stata ancora presa.
per il momento godetevi un po’ di Padova by night.

PD by night (o quasi)

 

 

 

 

 

 

 

Messenger news

Non fornire mai la password o il numero della carta di credito in un messaggio immediato.

Mammina scrive:

ciao, i tuoi figli hanno fatto un guaio…

Papino scrive:

cioè?

Mammina scrive:

la Belva è venuta da me, che stavo cercando il bando del […], e mi ha detto- accetti le mie scuse?- e io -per cosa?-

Papino scrive:

cosa?

Mammina scrive:

ha preso il bagnoschiuma e ha lavato la giraffa…il tutto mentre facevano pic nic SOPRA IL TAPPETO in CAMERA NOSTRA!

Papino:

Ha lavato il tappeto?Lista danni prego:

Mammina scrive:

ora il tappeto profuma da bagnoschiuma…solo questo…non è grave ma ho alzato la voce e hanno traslocato in sala…

Papino scrive:

pensavo peggio!

Mammina scrive:

anch’io e la cosa mi fa anche ridere però inizialmente mi sono arrabbiata…

Mammina scrive:

ciao, stanno litigando, vado

Papino scrive:

ciao.

Ok, vacanze forzate.

Ok, vacanze forzate. Ragazzi lavorate bene e sistemate tutto mi raccomando.

Noi non vogliamo andarcene, ma voi cercate di convincerci a restare.

Buon lavoro!

Insetti

Ogni Papino degno di portare questo nome deve avere una sua specie di regno. Questo il pensiero che da qualche giorno rimbalza nella testolina di Semola. E il regno del suo Papino deve essere il garage. Almeno questo è quanto capisco dalle sue parole di ieri mattina: “Perchè il nostro garage è pieno di insetti?”. Ecco la domanda infilata tra un caschetto e l’altro mentre carico i piccoli sulla bici sulla strada per la scuola materna. Foglie secche spinte dentro dal vento, qualche ragnatela, uno scarafaggio ogni tanto sono normale amministrazione in un condominio costruito nella seconda metà degli anni sessanta, credo, ma il termine “insetti” non l’avevo mai preso in considerazione. “Anche gli altri garage sono così!”, dico, “qualcuno di più, qualcuno di meno”. “No, negli altri non ci sono gli insetti!”.
Mi chiedo quali insetti possano mai nidificare tra gli scatoloni accatastati, il vecchio passeggino, le bici, i palloni, i secchielli e le palette per la sabbia, le palline di plastica mezza colorata e mezza trasparente che al posto delle foto dei ciclisti ora hanno i personaggi dei cartoni animati. La risposta arriva dopo la cena, durante l’edificazione di un puzzle ad effetto olografico, soggetto: uova di triceratopo che si schiudono. Ecco la lista: “Formiche, ragni non velenosi, scarafaggi, vermi, lombrichi, api, mosche, farfalle, pesciolini d’argento, cavallette e uno scarabeo, ma non quello stercorario!”.