Pordenonelegge.it


Bambini alla mostra della Pimpa


Il cielo sopra il cappello di gm


Bretelle di gm (particolare)


Scarpe (di Palomar)


Scarpa (di Scarpa)

Server Error

Gmail is temporarily unavailable. Cross your fingers and try again in a few minutes. We’re sorry for the inconvenience.

Pordenonelegge e si…diverte!

Epperò io mi sono divertita… Molto. Anzi moltissimo.
Papino e i piccoli, anche. Ma io, in situazioni come queste, sono un pericolo…e papino osservava…
ma è stato bravo…io un po’ meno!
Ciao amici blogger, nice to meet you!!!!!

“Altan per i bambini”

Allora è deciso. Domani si va tutti a vedere la mostra “Altan per i bambini“. Speriamo che non piova. Copio e incollo qui la presentazione.
Come? Manca qualcosa? Ah, beh, si, ci sarebbe anche questo. Anche se leggendo la presentazione non capisco bene quel: “non solo giovani“. Chissà a chi si riferiscono…
Buon fine settimana a tutti.


“La mostra “Altan per i bambini”, che il Centro Iniziative Culturali inaugura sabato 18 settembre 2004 presso le sale della Galleria Sagittaria, in via Concordia 7, a Pordenone, è una mostra normale e straordinaria al tempo stesso.
E’ normale perché il Centro da molti anni è attento al quel particolare ambito dell’arte figurativa che è rappresentato dall’illustrazione, e in particolare dall’illustrazione di libri dedicati ai ragazzi – basti ricordare la non lontana, bellissima mostra che ha visto protagonista il lavoro di Nicoletta Costa.
E’ straordinaria perché il personaggio Altan è straordinario, contemporaneamente amato da chi apprezza la sua saturnina satira politica, come da chi ama le sue invenzioni per i ragazzi, tra tutte la strepitosa Pimpa, che è probabilmente la cagnetta più celebre del mondo.
La mostra di Pordenone è tutta centrata sul lavoro per i ragazzi, anzi per i bambini, e presenterà circa centocinquanta tavole originali legate all’ormai amplissimo lavoro dell’artista in questo settore.
Dice Umberto Eco che Altan è un antropologo che racconta le nostre sconfitte.
Ciò è certamente vero per i suoi “racconti” politici, e per i suoi romanzi a fumetti.
Ma è vero anche se riferito alle sue storie per bambini, basta che i personaggi siano correttamente collocati sullo sfondo etico e sociologico che loro compete. E’ vero che qui tutto è più ottimistico, la Pimpa è la creatività infantile, l’Armando il migliore dei pedagoghi, e Kamillo Kromo fa miracoli colorati.
Ma tutti questi personaggi, letti, come è inevitabile, sullo sfondo dell’ “altro”Altan,, appaiono come una sorta di “dover essere” del mondo, sono insomma l’altra faccia della realtà umana, sono quel che l’umanità dovrebbe in qualche modo essere o diventare.
La mostra di Pordenone ha dunque diverse chiavi di lettura: sarà sicuramente molto visitata e apprezzata da bambini e ragazzi, ma sarà anche una grande occasione per adulti che siano in grado di vedere, in questo genere di lavori, la sostanza culturale da cui provengono, che è sostanza di grande spessore. Resterà aperta fino al 21 novembre.”

A testa in giù

Argomento: dentista.
Niente fischi, grazie.
Vi racconto solo cosa mi succede quando vado dal dentista.
L’ho raccontato alla mia amica pennina e lei ha riso tanto…
Quando vado dal dentista mi annoio.
Sì, mi annoio tantissimo.
Sdraiata sulla poltroncina, a testa in giù (come i piloti spaziali!!!), non so cosa fare mentre l’abile dottore manipola l’interno del mio cavo orale.
Ora: la luce è fortissima e mi acceca, non posso guardarla e non posso neppure seguire le abili mani lavoranti.
L’assistente con il tubicino aspirasaliva mi oscura un po’ ma non basta…
Che fare? Non voglio chiudere gli occhi, anche se mi fido ciecamente del dentista, ho paura di addormentarmi con il rumore del trapano e simili…
Allora, a testa in giù leggo le etichettte dei medicinali che sono chiusi dentro il mobiletto di vetro che sta dietro alla poltroncina.
A volte cerco di impararle a memoria…ma non essendo cose importanti le dimentico subito.
Se il dentista usa l’anestesia prima che inizi a lavorare nella mia bocca, devo attendere un po’.
Che fare? Beh…leggo, ovviamente. Leggo i libri magnifici che si trovano nella saletta d’aspetto dei bambini: sono libretti agili, divertenti, e veloci.
La volta scorsa ne ho letti due. Oggi invece:
“dovrei farti l’anestesia” – dice lui
“devi proprio- dico io- poi ho un pranzo importante”
“beh, se vuoi…” dice lui
“voglio, sì, vai, senza anestesia!” dico io.
Ecco, oggi non ho letto nessun libretto simpatico.

incastri e puzzle

PUZZLEUltimamente papino ed io siamo poco presenti nel blog.
Ultimamente papino ed io siamo occupati con incastri e puzzle.
No, non quelli di Semola e la Belva. Incastri di orari e pezzi mancanti per costruire le giornate.
Papino ed io abbiamo orari completamente diversi. Io, poi, vado al lavoro in auto (perchè devo…lo sapete quanto io ami la bici!), papino va la lavoro con la bici.
Io mi sveglio prestissimo, papino potrebbe stare a ciondolare a letto se non fosse che…
le scuole chiudono il portone alle 8.15…(propongo la scuola alle 9 come nei paesi anglofoni!)
Così: tutti ci svegliamo (…alziamo) molto presto e ci mettiamo in moto spiando continuamente gli orologi della cucina, della sala, del bagno, delle camere…
E ce ne fossero due con la stessa ora!!! Quello mio da polso lo metto sempre avanti di 8 minuti…se sono in ritardo lo guardo e penso: beh, è avanti di 8 minuti! E rallento la mia corsa…perchè è brutto arrivare in anticipo!
La settimana prossima probabilmente saremo più organizzati e avremo più tempo da dedicarvi.
Portate solo un po’ di pazienza…il puzzle si sta componendo e gli incastri sembra stiano già al loro giusto posto.
Buona settimana..

Mi è sparito il blogroll

Mi è sparito il blogroll. Sotto la scritta “Grand Tour” siete spariti tutti. Adesso mi toccherà rimbalzare qua e là a casaccio. Speriamo che il servizio riprenda altrimenti dovrò rimettere tutto in manuale. Grrrrr…