Qualche giorno fa / Questa sera

Qualche giorno fa, riordinando le foto degli ultimi mesi, ne ho scelte quattro da donare a Sotto i cieli d’Italia. Tutte e quattro sono ora pubblicate a firma Papino ma è bene precisare che quella con i palloncini che volano nel cielo di Padova è stata scattata da Mammina. Mammina è una brava fotografa ma non ha sempre la macchinetta nella borsa. Quel giorno di fine giugno dell’anno scorso era invece ben attrezzata e pronta a cogliere l’allontanarsi di tutti quei puntini colorati.

Questa sera [16.01.2007] alla libreria Kaosmosi c’è uno di quegli appuntamenti che un tempo ben si sarebbero prestati a far scattare sull’attenti la Trappola. Paolo Nori legge da Noi la farem vendetta.
E’ un libro sulla violenza dello stato, ma è anche un libro sull’educazione dei bambini,e è anche un libro sulle cose che scompaiono, sulla memoria, su come la coltivano in certe isolate comunità, e su come se ti uccidono un fratello quando hai diciassette anni è un po’ come quando ti nasce un figlio, e poi è anche un libro sull’Emilia, e, tutto sommato, adesso che ci penso, in un certo senso, se non fosse un’espressione abusata, si potrebbe anche dire che è un romanzo d’amore” (P. Nori)
Per approfondire e decidere se acquistare o no il libro devo ricordarmi di leggere questo post scritto da un bravo lettore.
A me Bassotuba non c’è era piaciuto parecchio. Se riesco a passare all’incontro (inizia alle 21:00) avrò nello zaino la mia copia per farla autografare. Se non riesco a passare, la degustazione di vini offerta al termine della lettura se la godrà qualcun altro.

Lettera alle signore con la pelliccia

Care Signore con la pelliccia,
capisco che i vostri mariti e/o amanti hanno speso parecchio per rendervi felici (oppure vi siete rese felici da sole…),
capisco che non vi importa dell’estinzione degli animali,
capisco che per sentirvi vip dovete sfoggiare queste enormi e ingombranti cose di pelo…
Ci sono due cose che però non capisco:
1- perchè siete sempre dall’estetista a fare la ceretta se poi indossate i peli di altri?
2- perchè indossate la pelliccia anche quando ci sono 16 gradi e il sole invita al costume da bagno?

Calorosi saluti da una che usa giacche in goretex.

(P.S. capire non significa approvare.)

Brevi riflessioni sugli scrittori in questo inizio d’anno

Quando la lavastoviglie è stracolma e il lavello non è vuoto, infilo i guanti e lavo ciò che resta da lavare.
Papino si intrattiene con i piccoli e mentre lavo ascolto, dalla tv accesa, interviste barbariche oppure ottoemezzate.
Seduti di fronte al conduttore si alternano politici e/o Scrittori.
I politici…che noia!
Gli Scrittori…

La Peperina dorme molto poco.
Spesso trascorro la notte ascoltando i programmi di radio rai.
Parlo di ore tarde, mooolto tarde.
Ospiti di queste trasmissioni sono Scrittori/trici italiani/e: il conduttore pone domande sul tema della serata, lo Scrittore rispondendo cita il suo nuovo libro e l’incontro si conclude con la scheda sul libro dello Scrittore interpellato e l’intervento di qualche ascoltatore. Punto.

Premesso che mi sento e sono una grandissima ignorante, quando sento parlare gli Scrittori mi sorprendo della loro vuotità, del loro arrancare, della loro mancata convinzione sugli argomenti trattati. Spesso mi sembrano discorsi di adolescenti che vogliono sembrare adulti.
Ecco, se dovessi comperare i libri sulla base dei discorsi di questi Scrittori, non ne comprerei nessuno.
Fortuna che sono una curiosa e che in libreria sbircio, leggo e scelgo, ripongo, riprendo, apro, sfoglio, leggo inizio-centro-fine, rileggo.
Infine compro dopo aver visto la copertina.
L’ho detto, sono una grandissima ignorante. Anche un po’ stupida.