Conversazione.

L’amica F ha un bimbo piccolo di nome F e un cagnolino di nome Pongo. E un marito in gamba.
Si conversa amabilmente, quando…
Amica F – ….e così avrà finalmente un fratellino…
Io – Beeelllooo!!! E’ contento il piccolo?
Amica F – beh, ancora non glielo abbiamo detto.
Io – Senti, posso prestarti la carrozzina…
Amica F (ridendo) – Ma dai! Ti pare che metterei un cagnolino in carrozzina?
Io (basita) – Ah, pensavo parlassi di F.
Amica F – Macchè! Il faratellino è per Pongo…F per un fratellino dovrà ancora aspettare.
Fine.

Stanchi ma ricaricati…

A volte fare una pausa per ricaricarsi va bene.
Noi la breve pausa l’abbiamo fatta qui per partecipare ad un matrimonio stupendissimo con sposa raggiante e sposo sorridente (il testimone dello sposo però…e l’ottimo omino dei travestimenti…).
E poi siamo stati qui ad accarezzare le razze e a parlare con delfini e pinguini.
Concludendo la pausa con la visita ad una città tutta speciale e ad una biblioteca che vorrei avere qui.
Non siamo riusciti a vedere questa mostra permanente. Accidenti!
Ora siamo stanchi ma ricaricati, perchè anche tre giorni bastano…
E siamo contenti.
Molto.

Rinnovamenti

Ci sono cose che più di altre ti fanno capire come passa veloce il tempo. Domani per la seconda volta vado a rinnovare la patente. Ho prenotato la mia visita direttamente con l’ulss senza servirmi di una agenzia di pratiche auto, proprio come l’altra volta. Ho compilato i bollettini postali e durante una rocambolesca fuga dall’ufficio sono andato all’ufficio postale, quello aperto di pomeriggio. Ho anche acquistato e messo nella cartellina la marca da bollo necessaria, proprio come l’altra volta. Spero mi controllino solo la vista e l’udito, perchè se si mettono a controllare la teoria, beh, mica ho ripassato il manuale dei test. Spero capiscano che la persona della foto sulla patente è la stessa che domani mattina si presenterà per la visita. A volte io stesso stento a crederlo.