Sulla famosità

Sono d’accordo con l’affermazione di nonricordochi che recita: “Non è importante essere famosi ovunque, in tutte le parti della terra. E’ importante essere famosi nei luoghi che si frequentano”.

Bene. Io sono famosissima.

(e anche oggi ho nutrito la mia autostima)

Sconfitte.

A) La Belva mi ha confessato che le piacciono le Winx (Aisha in particolare) e che per Carnevale vorrebbe il costume di una di loro. Sto raccattando pezzi di stoffa dalla soffitta di mai mamma. Lo avrà. Speravo volesse ancora indossare il costume da Trilli.
Le fate son tornate e son cambiate.
Ecco, a me le Winx non piacciono proprio. Brutti disegni, brutte storie e canzoni orecchiabili e sciocchine. Credo che Igino (produttore di monster allergy, ottimo cartoon) non mi vorrà nel suo staff se mai cambierò lavoro.
E poi, per dirla tutta, c’erano prima le Witch ( quelli sì che son disegni!).
Semola probabilmente si vestirà da omino lego…

B) Durante la pausa natalizia, papino ed io avevamo grandi progetti: volevamo sistemare un po’ la nostra casa spostando mobili, risistemando gli spazi. La casa è piccola, i bimbi crescono e i quaderni di scuola aumentano… Non ci siamo riusciti causa imprevisto pidocchioso e infinità di cose da lavare…Aspetto con ansia l’estate ( che detto da me, amante del freddo…) per riprogettare… voglio una casa alla Tadao Andoooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

C) Ho sonno. Tantissimo sonno. La Peperina non mi fa dormire da quando è nata. Sta diventando grande, è simpaticissima, ma non dorme e dice pochissime parole. Semola e la Belva alla sua età parlavano bene, facevano grandi discorsi. Lei dice benissimo una sola parola “MAMMA” e la dice con varie intonazioni.
Dopo tutto il tempo trascorso per insegnarle a dire “papà”…

L’ometto delle biciclette.

Avevo la bici che non funzionava bene, oggi…
Sono andata dall’ometto delle biciclette che mi conosce bene perchè spesso io e papino siamo lì con le nostre scassatissime bici. Ma lui è un mago ed è paziente e buono.
Arrivo al suo negozietto e mi accoglie venendomi incontro e chiedendomi qual è il problema. Indossa la sua solita tuta blu piena di tasconi dove tiene gli attrezzi del mestiere.
In un battibaleno individua il problema e inizia ad avvitare e a sistemare cose. Alla fine la ruota scentrata è tornata a posto. (La ruota, la padrona della bici continua ad essere scentrata).
Chiedo cortesemente quanto devo per il servizio.
Mi risponde: – Un sorriso.
E io allora gli ho regalato uno dei miei sorrisi più belli e l’ho ringraziato perchè è difficile ormai trovare persone che chiedano così poco…
La mia bici ora fila che è un piacere.

Comunicazione di servizio

Dal primo di gennaio il blog ha un nuovo indirizzo. Dal condomino di Bloogs curato dall’ottimo ing. Giustini  (che qui ringraziamo per aver esportato gli archivi), ci siamo trasferiti senza far troppo rumore a casa di Dario (che qui ringraziamo per la disponibilità e per aver importato il tutto).
Il passaggio è stato tecnicamente indolore. La tinteggiatura delle pareti non è ancora stata completata (come nella casa  reale del resto) e nelle prossime settimane cercheremo di provvedere. Il nuovo condominio è grande e a quanto pare esiste anche un regolamento che però non abbiamo ancora letto  approfonditamente. Chi ha voglia aggiorni il link a Papino & Co. e chi usa feedreader o altri aggeggi infernali simili li aggiorni per poter seguire quello che succede senza sporcarsi le mani con i pennarelli, la pasta per modellare i gessetti e altri materiali dei quali è meglio tacere.

Si riparte

Peperina cammina  per la casa. Si è appena svegliata e non trova nessuno in giro per le stanze. La vesto e le preparo la colazione. Sparge per terra il suo nuovo memory game ma è già ora di uscire.