Guardo Sanremo e devo dire che…

del festival apprezzo la regia (non convulsiva come solitamente accadeva al festival) e la scenografia che mi ricorda i pianeti, Galileo e il cielo stellato sopra di me;

le canzoni di irene grandi, arisa, cristicchi (e basta),

ma soprattutto l’orchestra: sono eccezionali, darei al loro tutti i premi del festival…mi piace anche il maestro Sabiu, è buffo, anche se molto furbetto…infatti la sua sigla altro non è che una vecchia canzone dei Sigur Ròs, come potete ascoltare qui.

Carnevale…

Ogni anno ci accorgiamo del carnevale quando ormai il carnevale è già passato e ha lasciato coriandoli e stelle filanti ovunque.

Questo perchè a casa Papino il carnevale c’è sempre…365 (+1) giorni all’anno! Infatti qui i travestimenti, i costumi e i cappelli buffi girano per casa ormai da 11 anni. La peperina è quella che dei tre ama di più vestirsi da winx, topolino, zebra, alice nel paese delle meraviglie, polipo, pirata, principessa, indiana,harry potter ecc…Sono costumi fatti in casa, cuciti dalle abili mani della nonna materna F e un po’ mie (io progetto e cerco modi veloci per accorciare tempi di realizzazione del costume, cucio a mano perchè Babbo Natale non mi ha ancora portato la macchina da cucire…:-(  che poi non saprei dove sistemare…).

Alla festa di classe della belva, anche i genitori dovevano vestirsi in costume…e io non ne avevo voglia.

Così mi sono inventata un veloce costume (5 minuti per la preparazione).

Papino forse ha una mia foto vestita da…

🙂