Non me ne ero accorto

GLADSAX Cornice - IKEA-4Ci sono sempre così tante cose da fare che non mi ero accorto che il grande-magazzino-svedese vende anche un modello di cornice per decorare le pareti con le copertine dei dischi in vinile.  Per molti anni ho cercato una versione economica di questo prodotto e sono contento di averla finalmente trovata. Ora non rimane che l’imbarazzo della scelta. Quale sarà la prima copertina a essere incorniciata?

Mah!

E’ uno spot che passa da poco, semplice e bello (è comunque sempre uno spot). La canzone scelta per lo spot inizialmente mi ricorda Suzanne Vega ma poi mi viene fa venir in mente questa.

Citazione o copiatura? Le canzoni sono rispettivamente del ’67 quella di Morandi e del’69 quella dei Free Design.

Piacevoli entrambe.

Di rosso e d’azzurro…

Quello che non capirò mai dei politici è perchè debbano far sembrare le cose diverse da quelle che sono. Ok, i punti di vista sono diversi, l’interpretazione dei dati statistici è libera… 

E non capisco perchè quando perdi hai sempre vinto. perchè non ammetti le sconfitte e dici ci rifaremo la prossima volta?

Perchè SEMPRE e dico SEMPRE devi screditare l’avversario? Pensa alla tua campagna elettorale, ai tuoi voti, non siamo fessi, caro politico rosso o azzurro o di qualsiasi altro colore, siamo ancora in grado di decidere senza le tue telefonate a casa per convincerci o tutti i tuoi volantini che mi riempiono la cassetta di posta e sono tutti di carta non riciclata e li troviamo ovunque…e non serve che tu nella tua sede faccia feste con gadget e dolcetti…

Non mi compri così.

Mi compri con la SINCERITA’, caro politico colorato del tuo colore.

Con la sincerità.

Quella sincerità che hai perso quando ti sei candidato.

Ma pensa te!

Ogni volta che vado in centro in bici di fretta dimentico di prendere le chiavi del superlucchettocatena.

Ogni volta me ne accorgo quando sono già in centro.

Così ogni volta compro un superlucchettocatena nuovo.

Ho speso più per i lucchetti e catena che per la bici.

La prossima volta lascio che mi freghino la bici.

Ecco. Uffa.

Storiellina sciocca inventata da me.

C’era una volta una bambina che si chiamava Perla.

Di cognome faceva Miseria.

Quando per strada la gente diceva cose del tipo:- per la miseria ho perso l’autobus! – oppure- sono in ritardissimo, per la miseria!.

Ecco, Perla Miseria si girava sempre perchè pensava chiamassero lei.

Adesso Perla Miseria è diventata grande e ha sempre il torcicollo.

Fine.

In rainbows

Non ho ancora avuto il coraggio di scaricare il nuovo disco dei Radiohead. Seppure io conosca a memoria quasi tutta la loro produzione devo confessare che dopo “ok computer” qualcosa si è rotto, non ho ancora capito cosa, ma niente è stato più come prima. Ero presente a Firenze nel 1997 al concerto che per motivi di sicurezza dal palatenda fu spostato al palazzetto dello sport. Un viaggio con l’Appennino ricoperto di neve, il panino più cattivo che io abbia mai mangiato e un concerto fantastico che identifico come un punto di non ritorno. Ok, asciughiamo la lacrimuccia e pensiamo seriamente se scaricare o non scaricare la nuova produzione della band. Se decido per il sì questa sarà la mia copertina:

via brothers brick

No comment

Noi ci assentiamo un pochetto dal blog.
I commenti sono chiusi a causa dei soliti spammer buontemponi.
Ciao!