I consigli del dottor* Nardoni – 3

Posted by admin - January 12, 2007

Continua anche nell’anno nuovo, datosi il grande successo, l’eldesc helps els la rubrica di aiuto online del dottor Nardoni, l’osannato paladino degli incapac utenti meno versati nelle cose di tecnologia.

* * *

Spam a go go?… Ci penso io!

Siete stufi della valanga di messaggi indesiderati che intasano la vostra casella di posta elettronica? Ecco per Voi la soluzione definitiva: entrate nel vostro account, e nelle opzioni di amministrazione selezionate tosto ‘cambia password’. Dopodiché, aperto un editor di testo, pigiate a caso sulla tastiera fino ad ottenere una quindicina (e ci state larghi) di caratteri alfanumerici (es. 9ufijsed3xcwq31, oppure erfm6dks9873isedfv, se preferite) che avrete cura di copiare & incollare nei campi ove è richiesta la nuova password. Salvate quindi senza indugio le modifiche all’account, dopodiché chiudete l’editor di testo evitando accuratamente di salvare il file e/o memorizzare la stringa (o guardate come parlo tecnico, mi fo impressione da solo, a volte) di caratteri ivi contenuta.

Fatto? Bene, è probabile che adesso accedere all’account in questione vi sarà impossibile: non vi resta che crearvene uno nuovo di zecca, e state sicuri che per un bel po’ (anche due o tre giorni, se ciavete proprio culo) di posta indesiderata non ne vedrete.

Obietterete che in tal modo non potrete più leggere nemmeno i messaggi effettivamente indirizzati a Voi. Ma non fatemi ridere! Tanto, tolti quelli che vi propongon le pastiglie per allungarvi la PHAVA, non vi scrive nessuno, per cui andate a farvi un giro all’aria aperta, una volta tanto, razza di segaioli & asociali.

*Laureato c/o la Lybera Vniversità di STROnBOLI s.r.l., sede legale Mottagrill Sassignate Ovest, per informazioni e/o colloc colloqqui con il Magnifico Rettore bussare alla toilettes disabili al ritmo della CUCCARACIA dopo le 22 e 15

In:

  1. Sydbarrett76 says:

    azz! geniale!
    non ci avevo pensato, corro svbito!

  2. Egregio dott. Nardoni
    Adesso che m’ha spiegato l’arcano che anche a me scrivono per allungare la PHAVA (che non ci tengo) m’assicuro di eseguire le Sue istruzioni. Mi appaiono colme di buon senso.
    La ringrazio Illustrissimo.
    Una sua fedele sostenitrice.

    (2 ore dopo) Scrivo dall’ Internet Point sotto casa. Il mio computer è andato in tilt, vorrei chiedere ulteriori informazioni: che faccio?
    Ossequi vivissimi.

  3. MachoViledo says:

    Sfregiatissimo dottor Nardoni,
    e, per conoscenza, al dott. Federico Maria Sardelli,

    vorrei imparare a scrivere e cancellare così come fa Lei in questo post illuminante (e direi anche un po’ illuminista).

    Mi sa dire come si fa?

    Nella speranza di ricevere presto Sue buone nuove, la saluto quanto più distintamente riuscirò a fare.

  4. brullo nulla says:

    vorrei imparare a scrivere e cancellare così come fa Lei in questo post illuminante (e direi anche un po’ illuminista).

    Ma è semplicissimo! si prende una bella GOMMA DA NEGRI della qualità più abrasiva e la si strofina con odio unno sul nuowissimo schermo ELLECIDI appena acquisito fino a quando non rimane una graziosissima strisciata di pixel neri e morti: a questo punto, visto che il monitor sarà inutilizzabile, andate a fare una salubre passeggiata nel bel gasometro dietro casa vostra, invece di stare in casa a farvi le seghe sui tegami che scaricate da Internet, o bestie.

  5. metrovampe says:

    Rabbrividente…manifesto programmatico del web 3.0

  6. Il Proeta says:

    Chiar.mo Macho VYLEDO,

    La informo (come già aNpiamente ricordato) che il buon F. M. Sardelli non ha alcvna connessione con questo SYTO se non quella di esserne l’unico & sommo ispiratore.

    Per le parole cancellate, può senzaltro comportarsi come suggerisce l’illustre BRVLLONVLLA, oppure c’è un tag html che consta di una lettera esse racchiusa tra i simboli minore e maggiore, il quale potrà garantirLe i medesimi risultati in maniera meno distruttiva.

    Salvti indistinti,

    il Proeta

  7. giarina says:

    non posso
    dopo il natale non rientro mai nel mio accaunt prima di un mese. due mesi.
    tre.
    dipende.
    comunque dottor nardone3, io gli spam li apro tutti. e rispondo.
    non è educazione far le orecchie al mercante quando gentili persone ti scrivono.
    sovente.

  8. Uyulala says:

    Ti dirò che CIAVEVO penZato anch’io… E comunque anche a me propongono le pastiglie per allungare legumi. Mi chiedo a questo punto a chi le potrei dare…

  9. MachoViledo says:

    Sfregiatissimo dottor Nardoni,
    e, per conoscenza, Esimio BrucoNudo,
    e, per ispirazione, anche al dott. Federico Maria Sardelli (mi fa
    comunque piacere scriverLe anche se non legge),

    ho seguito diligentemente tutti i Suoi consigli. Ho scrutato persino con una lente di ingrandimento la mia tastiera, ma, forse per ignoranza o forse per mala sorte, tra i miei tasti maggiore e minore, tranne qualche briciola di panino mangiato frugalmente ed un capello morto forse cadutomi nottetempo, non ho trovato la tag html che Lei, così gentilmente, mi ha indicato. Potrebbe essere più chiaro?

    I suggerimenti del Bruconudo preferirei rimandarli ad un momento migliore, perché ora sto tentando di farmi una sega con un tegame che, ancorché non scaricato da Internet, mi sembrava adatto alla bisogna, in quanto fornito di buchi (e non bruchi). Se il mio membro riuscirà a sopravvivere alla lama tagliente, appena ultimato lo sfogo, non mancherò di cercare anche una gomma DI COLORE (il termine “DA NEGRO” mi sembra troppo politicamente scorretto), perchè il mio monitor mi ha confessato che sarà felicissimo di partecipare a questo interessantissimo esperimento scientifico ed anch’io sarei entusiasta di entrare nel Mondo di Squark (anche se come ospite).

    La saluto sempre più indistintamente anche io, perché mi si è sfuocata un po’ la vista, a furia di cercare il tasto che mi necessita per scrivere e cancellare.

  10. brullo nulla says:

    il termine “DA NEGRO” mi sembra troppo politicamente scorretto

    politicamente scorretto? POLITICAMENTE SCORRETTO? ma lei si sbaglia, caro Busnaghi, politicamente scorretto sarà lei: ma lo sa che avevo ben 6= in Politica alle medie? Quanto al resto, io son sempre stato favorevole ai negri: comunque mi par di riscontrare nel suo linguaggio delle velate critiche alla brillante politica razziale del compianto ITLE, ed è per questo che mi pregio -senza nè rancore nè compromettermi politicamente- di segnarlarla alla GESTAPO.

  11. MachoViledo says:

    Esimio BrucoNudo,

    leggo con piacere (ed un pizzico di sollazzo) la Sua nervosa risposta, anche se avrei preferito sicuramente un milione di volte leggere più utili indicazioni al mio bisogno tecnico da parte degli Illustri destinatari della mia precedente missiva. Ma, visto che è una mattinata vuoto a perdere (la mia), Le rispondo in mancanza di più interessanti attività da svolgere. Il suo sei meno meno in Politica non mi stupisce affatto, sa? D’altra parte, come potrebbe un Bruco (peraltro, nudo) riportare buoni risultati a scuola? Immagino che questo Busnaghi (che, purtroppo, non ho il piacere di conoscere) sia stato la principale causa dei suoi problemi cognitivi e di apprendimento. Forse le rubava la merenda nel cestino, forse le attaccava le gomme da masticare sulla sedia. Non so, possono essere tanti i dispetti che i bambini fanno ad un bruco..Io, ad esempio, staccavo le code alle lucertole. Forse era un suo compagno di classe di colore con problemi di sapone (mi ripugna chiamarlo “sporco negro”) e questo avrà causato disturbi anche al suo lessico, visto che non riesce nemmeno a scrivere ed a pronunciare la acca di Hitler. Giocavo con le luger delle EsseEsse sin da quando gattonavo in tenera età. La Sua segnalazione, pertanto, non può che divertirmi.

    Anche se Lei ha dimenticato di salutarmi, La ringrazio e Le porgo cordialmente una croce uncinata.

  12. S. says:

    che io una volta ci ho risposto a questo della phava.

    che lui: vuoi farti allungare la phava?
    che io: essì, mi piacerebbe parecchio.
    e lui: vuoi farti allungare la phava?
    e io: eccome se mi piacerebbe
    e lui: vuoi farti allungare la phava?
    e io: …
    e lui: vuoi farti allungare la phava?
    e io: ..
    e lui: vuoi farti allungare la phava?

    che alla fine mi sa che o era un robo’, o che con questa gente che ti vuol fare allungare la phava non c’è mica verso di instaurare un dialogo.

  13. Il Bybliotecario says:

    Inserendomi nel dibattito sui NEGRI non posso esimermi dal far notare come l’opinione pubblica in questi giorni si scagli senza ritegno verso i due poveri coniugi accusati di omicidio plurimo in quel di Erba, che sono in realtà innocenti. Come dite? Hanno confessato? Suvvia, signori, guardiamo in faccia la realtà: l’artefice di sì efferato delitto non può essere stato che il bieco TUNISINO, il cui colorito tendente al marroncino è sufficiente a tradire le origini scimm… ehm, voglio dire nordafricane e di conseguenza la predisposizione allo sgozzamento de’ poveri pargoli (*). È lampante che il beduino ha plagiato i due simpatici vecchietti, ricorrendo a incantesimi e stregonerie escogitati dal suo capotribù (è noto che tutti i NEGRI ne hanno uno di fiducia) per ipnotizzarli e indurli a metter mano ai coltelli. Del resto l’aveva detto sin dal primo momento anche l’on. ill. egr. chiar.mo Borghezio, ma come al solito nessuno gli ha dato ascolto. Povero Borghy, sempre così bistrattato; eppure bisognerebbe avere più rispetto per la reincarnazione del beneamato ITLE.

    (*) Abbandono solo per un secondo lo stile ironico e ridanciano per comunicarvi che su un forum ho letto *veramente* la frase che qui riporto:
    “indipendentemente dal fatto che sia tunisino o meno, hanno un parente che ha problemi di traffici di droga, che era in galera e che al momento dell’omicidio era “dio sa dove”, ovvio che finchè non si trova un alibi è il primo sospettato, quindi basta rompere il cazzo sul fatto che fosse tunisino, le ragioni per “sospettare” c’erano tutte (per tacere del fatto che lo sgozzamento è una pratica pare abbastanza gradita a gente di una certa “corrente di pensiero”)”
    Che dire, riderci su è l’unica cosa che ci rimane da fare…

  14. Il Proeta says:

    Io mi sto scoNpisciando, ragazzi, il bello d’averci un blog come questo è veder nascere certi giuocosi & esilaranti dissidi (ora non ciò voglia di cercar la i coll’accento circonflesso, fate finta ci sia) tra i commentatori, infinitamente superiori al post medesimo.

    Grazie a tutti,

    il Proeta

    (e comunque quei tizi là, mi dvol contraddirvi, ma li ha uccisi tutti BILLADE)

  15. brullo nulla says:

    Non posso che associarmi (sia pure non senza una punta di stizza e sussiego) al commento del pluripremiato BYBLIOTECARIO sulla strage di Erba. Avrei anche da aggiungere una postilla, riferendomi in ispecie al classico Dei delitti e delle pene del Beccaria, ma non senza tralasciare la critica della filosofia morale di Adorno trasfigurata dall’opera della Arendt, peccato che ora abbia da sbvzzare i micini della signora Nerchioni del quinto piano per fare il lesso.

  16. MachoViledo says:

    Io pure mi associo al vostro tripudio di sensi (ma de che?), dissociandomi, nel contempo, da me stesso sui delicati argomenti di alta macelleria e bassa cucina da voi così magistralmente trattati. Comunico altresì con immenso mio piacere personale di aver finalmente risolto (certamente non grazie al vostro prezioso contributo) il mio problema tecnico sul web che, peraltro, mi portò casualmente su queste rive. Devo comunque annotare, con un certo dispiacere, una totale indifferenza (stavo per dire menefreghismo) da parte di lorsignori che non poco mi ha addolorato ed anche alquanto offeso…

  17. brullo nulla says:

    Caro Coso, ci siamo invero prodygati con libertà a dipphondere la nostra SCIENZA acciocchè Lei potesse risolvere la vexata quaestio che l’affliggeva. Certo però, che se Lei non mi acquista la GOMMA DA NEGRI (disponibile nei moderni e amichevoli discount Forza Nuova) e mi taccia d’essere politicamente scorretto aggiungendo vieppiù immeritate critiche gnoseologiche ad ITLE, allora è Lei che non vuole essere ajutato, e meriterebbe di finire i suoi giorni a raccattare spvti di nocciuoline al bar Colostomia.

    Siccome però sono BVONO, le consiglio però in futuro di approfondire sugli agili volvmi L’Acca Ti Emme Elle Spiegato A Tu’Madre dell’Athanasius Kircher (ed. Leipzig, 1767) e Il Papa Nvdo a Fvmetti, nell’edizione anastatica dell’anonimo manoscritto madrileno trecentesco attribuito forse incorrettamente a un commentatore di Lattanzio: pare infatti che il vero autore, da attenti confronti filologici, sia invero l’ottimo PVPO.

  18. Con devozione & spregio sommi, pien d’alterigia e sybilando indivia, invio queste mie, nella speranza che un amorevol manufatto da mani di nonna gino – altrimenti detto: pingone n. 16 – Le si infili (con ryspetto parlando) tosto&repente nello stronzoliere. Così vedra, vedrà, caro il mio gamellone, cosa provò il Ciapetty, orrendamente mvtilato et orbo per colpa d’una scommessa persa cogli amici. O anche la povera Isolina Manzi in Carogna, tragicamente sfigurata dal meccanismo ad apertura automatica del di lei perniciosissimo ombrello a pressione. O, infine, l’indomito Razzo Teddy, tragicamente ferito nell’adempimento del dovere (tagliava un ananasso colla benda sugli occhi in rigida ottemperanza alle norme sicamaniche “galeazzo mitridate invitto eroe della guerra dell’ellesponto che lagrimando gl’inospiti nemici ricacciò dal suolo peccato fosse loro e loro ci abitassero da quindic’anni e lui fosse andato a conquistare colle bombe anche molotov e tante, tantissime cattive intenzioni”, ho perso il filo).
    Vedrà, vedrà.
    Mi rammenterà.

  19. MachoViledo says:

    Esangue BrucoNudo,

    come ho cercato più volte di spiegarmi e di chiarirLe (qui e in altri luoghi), avevo fatto riserva di sperimentare il simpatico giuoco da Lei propostomi della gomma negr… (no, proprio non mi riesce di dirlo, mi spiace)…di colore in un secondo momento. In modo da consentirmi di soddisfare, dapprima, i miei bisogni primari (tegame eccetera) e, in un secondo momento, quelli secondari (partecipazione alla nota trasmissione televisiva Mondo di Squark eccetera). Aggiungerei ora, così come Lei mi fa cortesemente rilevare, anche la lettura di divertenti e simpatici fumetti a sfondo vagamente politico e religioso (demo e cristiano, praticamente), nonché l’ascolto con ritorno in cuffia di musica pip (Pupo) e pop (Anastasia, che pur non essendo di primissimo pelo, è donna che mi provoca ancora frequenti e lunghi inturgidimenti). Ma, mentre il primo (il Pupo) mi riempie solo la vescica oppure mi rigonfia fastidiosamente il sacco scrotale, l’altra si dirige piuttosto verso la zona penica (specie allorquando indossa pantaloni molto aderenti a tergo).

    Circa le mie note e recenti vicissitudini nel settore informatico, come saprà, riuscii tutte a risolverle brillantemente sia nel campo Yin che Yang (grazie al caritatevole soccorso di un collega blogger che qui purtroppo non vedo, ma che, al contrario di altri, è stato molto chiaro nelle indicazioni). Ritengo, quindi, di soprassedere, per il momento, ad ulteriori approfondimenti che potrebbero causare anche la rottura di quello strato di pelle ripiegata, comunemente chiamata prepuzio (e che il volgo appella come inutili “rotture di cazzo”).

    Sono certo che la mia visita al Suo blog, che ricambia la Sua, possa essere considerato un umile contributo sufficiente a ripagarLa dell’attenzione che mi ha così gentilmente prestato.

    Le porgo infine i miei migliori auguri per una pronta e rapida guarigione da questo fastidioso morbo di Alzheimer che vedo continua ad affliggerLa, impedendoLe di ricordare i consueti saluti al termine delle Sue missive.

    Considerato anche che, in questi casi, gli specialisti suggeriscono di assecondare sempre il paziente affetto da patologie nervose, spero che vorrà salutarmi anche i Suoi simpatici amici orsacchiotti ITLE e BILLADE..

    Per spirito di solidarietà, La saluto con una progressiva perdita di memoria.

  20. gillo says:

    di qui a 5 secondini un nano imbestialito darà fuoco a un rosario di raudi serpentoni per far cessare una volta per tutte questo dibattito perché mi da l’idea che più dura il dibattito e meno si legge Proésie!

  21. Il Bybliotecario says:

    Esimio egregio gentile pregiatissimo (con risp. parl.) vtente Gillo, penso di parlare a nome di tutta la comunita’ nel raccomandarle di non forzare l’estro creativo dell’artista, il quale deve essere libero da condizionamenti esterni e da sollecitazioni che rischiano di minare la freschezza e natvralezza delle opere.
    Per ingannare l’attesa puo’ sempre trastvllarsi con la navigazione di un syto dagli alti contenuti scientifici, morali & letterarî quali la biografia ufficiale di Mariateresaruta (http://www.mariateresaruta.it/01mariateresa/mariateresa.htm (*)), sempreche’ si sia stancato di visionare i calendari delle farde nella homge… ompeg… hopgeim… insomma, nella pagina principale del syto di Repubblica.

    (*) Dalla quale apprendiamo che la suddetta Mariateresaruta e’ madre di un giovinotto di nome GianAmedeo (sic). Non si finisce mai d’iNparare.

  22. gillo says:

    farò tesoro del consiglio del nostro preziosissimo Bybliotecario e mi reco immantinente a frizionarmi presso l’indirizzo indicato. chiedo scusa all’intera comunità per aver cannibalizzato una frase del Sommo al solo scopo di soddisfare il mio pervicace egoismo (è che non ciò una sega nulla da fare…). tanti saluti a GianAmedeo (!) e al Mago àfono (ma che fine ha fatto?)

  23. MachoViledo says:

    Mi associo anch’io, senza meno, al gentile invito dell’Illustre (in maiuscolo, perché in minuscolo mi parrebbe riduttivo) Bybliotecario. Aggiungerei soltanto l’auspicio che l’estro creativo dell’artista possa essere scevro, oltre che da condizionamenti esterni, anche interni nelle interiora degli intestini, in moda da liberare sia il tenue che il crasso…Mi appresto anche io tosto alla visione del sito della Ruta, alla quale anticipo, anche qui, ove non occorra, i miei più sinceri auguri per il lieto evento dal nastro blu.

  24. gillo says:

    e come nastro rosa abbiamo Guenda! che pare la sorella di Mayla e Zuleika (nepote al Sommo). grazie Bybliotecario per la segnalazione, grazie davvero. ora torno a letto…

  25. Sydbarrett76 says:

    http://www.mariateresaruta.it/01mariateresa/images/mtfig01_b.jpg

    ma il concorso era Miss Trans 1975?

    se lei ha vinto la foto di gruppo delle altre potrebbe essere un’ottima cartolYna da mandare al Vate….

  26. Il Bybliotecario says:

    Non oso immaginare quali creature possano essere venute fuori dall’unione tra lei e Amedeo Goria.
    Nel contempo capisco perche’ il poveretto si era ridotto a molestare le aspiranti soubrettes… se doveva accontentarsi della moglie…

  27. Sydbarrett76 says:

    il pensiero della prole mi suscita ovvove (sì, ovvove) immenso.

  28. gillo says:

    cito al Bybliotecario (che so esserne perfettamente al corrente) : “Pare aver ricevuto l’interessamento della Commissione per la Cultura della CEE nonché esser stata posta sotto l’alto patronato della Presidenza della Repubblica, la favolosa Sagra del Coglione Che Sorte Fuori Dal Costume Da Bagno Mentre Te Fai Il Guappo Con Le Fie Sui Bagni Bruno Ci Fai Proprio Una Bella Figura”. non ricorda l’amedeo? uno dei pochi babbalèi a esser stato beccato! va bene “aspirare” a fare la soubrette ma la manipolazione dell’amedeo…roba da fachiri!

  29. Il Bybliotecario says:

    Gentyle Gillo, ora come ora non mi sovvengono le esatte coordinate spazio-temporali in cui il Maestro ci delizio’ con cotale perla, probabilmente perche’ mi sono sempre maggiormente interessato al Festival della Frenata nelle Mutande che Ho Indosso da Tre Giorni Perche’ mi Rompe Portarle in Lavanderia che si tiene ogni anno negli stessi giorni…

  30. gillo says:

    non vorrei che il Bybliotecario si confondesse con la Sagra della Scorreggiona Rimbombante Ma Veramente Maleodorante di Fogna Di Calcutta Fatta Durante La Cena Sociale Del Rotary A Te Ti Sembrava Di Poterla Trattenere E Invece Ti Sei Mezzo Caàto Addosso Ora Mi Dici Te Che Figure Di Merda.

    se così fosse mi si lasci trasecolare! (e che memoria dercazzo! tocca sempre a me tenere tutto l’archivio!)

  31. MachoViledo says:

    un rapido passaggio ed un salutino, con inchino, ed accluso invito ad aprire il finestrino, perchè, miei cari signori e messeri, se ancora non ve ne siete accorti, qui, si inizia a sentire anche un certo odorino…

    (stasera, mi scappava…la rima)

  32. Alexem82 says:

    O inclyto proeta…

    Mi piacerebbe leggerti via FYD, solo che i FYD tua, sono no incompleti, di più…

    C’è solo una riga, ma sarà possibile…

    Prova a modificare le opzyoni su FYDBARNE e dare il FYD completo, che unnò voglia di venì sul tu blogghe ogni volta per legge, che i fydde so fatti apposta, puttana mayala!

    http://alexem82.blogspot.com

    Ciao Sardellide (Nel senso di patronymico eh…)

    Ale

  33. Il Proeta says:

    Gentyl Alex,

    copio&incollo – il teNpo è danaro, suvvia – quel che risposi a un altro lettore che mi mosse la sua identica obiezione:

    il fatto è che a render completo il FYD si perderebbero l’iNpaginazione, i caratteri, il pats, no il pas, insomma, l’atmosfera, che son cose fondamentali: tanto che, quando il feed era completo, in molti ebbero a riNpiangere quello che perlappunto costringeva a recarsi nel SYTO per poter leggere gl’intieri coNponimenti. Ad ogni modo, comprendendo le Sue esigenze, La invito a sperimentare la differenza. Provi un po’ a far vso di questo qua:

    http://proesie.diludovico.it/feed

    e poi non dica che non son buono, eh

    salvti,

    il Proeta

  34. Alexem82 says:

    Grazie, adesso la leggerò più volentieri e verrò ugualmente sul syto a commentare onde ne senta il bysogno!

    Bona.

    Alexem82

  35. gillo says:

    siccome mi son fracassato di fare arpeggi con la mi’fava davanti alla Ruta e il Proéta è diventato una bella fìa che se ne fotte di chi è in astinenza da proésie, io lo inculo con queste sve non presenti nella crestomazia:

    FVLVIO

    beato te, o fvlvio,
    io ti invidio
    molto
    perché
    sai andare in
    retromarcia a
    centotrent’
    allora
    beato
    te.

    e poi e poi…

    (senza tytolo)

    o tu che dell’invrbato vulgo
    de’ trivii mai in gran copia pago
    e di nequizie desioso alquanto
    fuggendo sempre mai dall’operose cose
    e le vertuose applicazioni abborri
    qual upupa il giorno chiaro
    guarda di farmi rispuntare
    presto il motorino, pria
    che vada dai
    carabinieri.

    ultima…ultima…

    (senza tytolo)

    or che aureo rifvlge
    il secol novo
    e di millanta opre
    balena l’avvenir
    superbo
    sarebbe il caso almeno di
    smetterla una buona
    volta di pisciare
    nel portone.

    …niccùlo ai PProéta! (nel senso: si farà con quel che s’ha. in culo alla ruta)

  36. Il Proeta says:

    o Gillo, grazie della citazione di queste memorabili ryme del Sardelli, puLtroppo qua c’è tanto da fare e per sto uis, no uich, vabbe’ fine settimana ancora mi sa che non posterò nulla di nòvo, ma Lei (e gl’altri) restino sintonizzati, eh.

    il Proeta

  37. Il Bybliotecario says:

    Attendo dunque ansioso l’inizio della prossima settimana perché il nostro Proeta, di ritorno dal uics… uinds… uicensd… dal fine settimana trascorso sulle piste scyystiche di Mugolone di Sotto (QH) a fare la manomorta con le tvriste tedesche sullo skils… skiftsl… sul’iNpianto di rysalita (operazione che richiede la massima abylità e perizia vista la considerevole dystanza che separa i seggiolini), ci delizî nuovamente con le sue ryme. Nell’attesa potete godervi questo mio coNponymento fresco fresco di profonda riflessione filosoFICA (sottolineo le ultime dve syllabe).

    Il saggio parlò:
    “Il senso del viaggio non è nella meta,
    è nel percorso compiuto,
    nel piacere del muoversi,
    passo dopo passo,
    metro dopo metro,
    nel continuo mutare del paesaggio
    che riflette il continuo mutare di noi stessi.
    Che soddisfazione v’è nell’arrivo?”
    Io gli risposi:
    “O si vede che non hai mai preso l’intercity Torinoreggiocalabria il trediciagosto con undici persone nello scompartimento e l’aria condizionata rotta e in ritardo di treoreequindici,
    e allora vainculo, vai”.

  38. brullo nulla says:

    Ti
    ricordi
    tù Madre?
    Io sì,
    la ricordo,
    amorevole figura
    sì schietta e semplice,
    mentre intagliava il BVSTO DI ITLE nel prosciutto.

  39. Avviatura says:

    Mah, io ricordavo che per evitare lo spam servivano:
    – n. 2 chiavi inglesi del 16;
    – n. 1 boccetta di Vinavil;
    – n. 2 fette di speck (per un siNpatico break;
    – n. 1 convertitore Bessemer;
    – n. 1 tester;
    – n. 1 NEGRO (preferibilmente pugile professionista categoria massimi leggeri categoria WBEN – World Boxing Energvmeni Negri – dal carattere appena esvberante – sconsigliato tàison che l’vltima volta m’ha ribaltato la SINCA con un rvto, boia mi son dato alla fuga vile&codardo seNbravo Carliuis).

    Dunque, si prende il vinavil e lo si rovescia sul capo dell’energvmeno, lasciandolo fvribondo da solo in una stanza con il Vs. Pèrsonal Conpiuter ricordando di aver lasciato accieso il convertitore alla massima potenza così da fare frasvtono fastidiosissimo (se gira a vuoto sarebbe il massimo, poi se emette anche un qualche vltrasvono è meglio ma da quelle mani porcine che vòi che ne sorte, accident’a’vvoi). Dopodiché il NEGRO [che sarà da lì a 2 (due o tre, sonasega io, scusate la parentesi quadra)] 2 cosa, ah sì, orette o minutini o mesetti o fasi astrali, dicevo, che fatica la sintassi, una volta persa la pazienza si accanirà con TUTTE le chiavi del 16 sul vostro invtile coNpiùte neanche fosse Ed Mann (il vibrafonista di Frank Zappa, sì una sega, voi se non ascoltate Al Bano andate in brachicardia, ma ‘ndate ‘n’culo, ignoranti, mica si pòle esse’ tutti fini&accvltvrati come a me, porcatroiaeva).
    Frattanto (oimé, che avverbio, l’onco, oiòi) voi sarete all’esterno del vano mentre degvsterete le due deliziose fette di speck, certi che lo spam non perseguiterà più il Vs. Persoln Persnl Personl Prso merda c’ero riuscito prima, è vgvale, insomma quello lì. Il tester se siete bravi lo dovevate aver ficcato nel cvlo della massa muscolare incontrollabile&negra all’interno della stanza ma forse ora è tardi magari non provateci potrebbe incazzarsi ulteriormente no no anche il mio cognato Gennaro Zorrik di Castellammare ci provò è seNpre lì in terapia intensiva, vabbè riportatelo da nonna Gino che l’adoprerà per verificare la conduttività del suo ultimo TORTO (sì sì, proprio una TORTO) vanadio-crema-ricatti-pinoli-gvano-pozzolana.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *