Cvrricvlvm III

Posted by admin - February 8, 2007

O Arturo,
dici
che ce lo devo scrivere
che una volta
ho fatto
(con risp. parl.)
la
COMVNIONE?
eh? che dici? eh?

In:

  1. Uyulala says:

    🙂 Meglio di no…

  2. regulus21 says:

    Al posto di “ho fatto” ci stava meglio “feci” 🙂

    Ma sei sempre il mio proeta preferito 😛

  3. smile says:

    L’albero a cui tendevi
    la pargoletta mano
    il verde melograno
    dai bei vermigli fior

    Vacci ora che è gennaio
    e fuori c’è menodYcYotto, o brodo.

    (ricordando quando ce l’hanno fatta iNparareamemoria mentre ci bardavano di sciarpe e berretti “perchè haivisto, il fYgliolo di CarduccY ha preso freddo e c’è morto”)

  4. Il Bybliotecario says:

    Esymio Regvlvs, e’ forse da ricercarsi nelle sue parole un indyretto ancorche’ sottyle riferimento alla migliore opera (a mio modesto giudizio, eh, ora non vorrei allargarmi…) di cui il Proeta ci abbia mai omaggiato (http://proesie.diludovico.it/2006/10/19/bysensi)?

  5. Alexem82 says:

    Mitica, ragazzvolo…
    Or ora mi sovvenne la voglia di scryve’ un’antra Proesia…
    Vado a coNporre e poi te la mando…

    Cordiali Vaffan Saluti

    Alexem

  6. maielvin says:

    Se vuoi
    farti
    (il?) prete,
    forse
    sì –
    oh
    chierichetto.

  7. brullo nulla says:

    Mi pregio con odiosissima svpponenza di proporre:

    CVRRICVLVM IV: Medyci

    Eh si,
    lei è proprio
    il candidato ideale
    per la nostra
    Clynica Privata:
    profondo senso
    del dovere,
    brillante diagnosta,
    attento alle esigenze
    del paziente.

    Però
    vorrei
    -senza nulla insinuare-
    che mi chiarisse
    in cosa consisteva
    questo praticantato a
    BIRKENAU
    col DOTTOR MENGELE.

  8. Alexem82 says:

    Dopo PROESIA I

    La mia nuova proesia da titolo:

    PROESIA II

    (si vede l’originalità, nevvero?)

    È notte fonda.
    S’odono canti d’ignoti volatyli,
    Morfeo cerca di portarti tra le sve
    tremende braccia.
    Gira vorticosamente la lancetta dei minvti.
    Non ti vorrei tediare ma…
    Quando cazzo ci vai a letto
    che domattina un ti svegli manco a cannonate,
    ché lo saprò, a te oramai il caffé ti fa come il cazzo alle vecchie?

  9. Alexem82 says:

    Ovviamente, postata così sui commenti un si capisce na sega, visto che lo stile della cazza Proesia può essere appreso solo ad vn contatto vysivo…

    Ergo, vi consiglierebbi di visitare qvesto LYNCH:

    http://alexem82.blogspot.com/2007/02/proesia-ii.html

    Grazie per la coNposta attenzzione.

    Alecsemme

  10. Ginestroni says:

    Un RosarYo
    tre Ave Maria
    e anco vell’altro lì

    Quattro preghiere
    nessun mestiere
    el baugigi sempriterno
    pare colmo

  11. Marco says:

    Proeta,

    perché non scrive di più?

  12. gillo says:

    per quei gamelloni come me e marco qui sopra (avidi di lyriche del Sommo ma che a lui non glie ne frega una sega nulla) guardate un po’ che ritrovo nell’archivio delle bolle per l’estero:

    Or che aureo rifulge
    il secol novo
    e di millanta opre
    balena l’avvenir
    superbo
    sarebbe almeno il caso di
    smetterla una buona
    volta di pisciare
    nel portone

  13. regulus21 says:

    Esymio Bybliotecario, Lei ha scordato che tra i commenti a qvella Proesia sui bisensi c’era pvre un mio commento bysenso, a mio modesto parere, autorevole atqve gradevole.

    Se volesse andare a controllare, invece di star qvi a pettynar le baNbole…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *