On my mood

Scriveva Jean Paul Sartre: “Alle tre (del pomeriggio ndr) è sempre troppo presto o troppo tardi per qualsiasi cosa tu voglia fare”.

Ecco, questo è il mio stato d’animo di questi giorni e penso che durerà per tutta l’estate. Sapevatelo!

 

PS

Penso di aver letto il romanzo più brutto di tutta la letteratura italiana, se ne riparla, prima mi devo riprendere.

7 Commenti a “On my mood”

  1. Melpunk scrive:

    sono affranto per te, p’tit, che ti so di gusti elevatissimi. beh un romanzo italiano.. di queti tempi. io ripiegherei sull ainvernizzio. saluti

  2. Michele Cavaliere scrive:

    a tal proposito io cio due copie del bacio d’una morta, se vuoi favorire, basta tu dica Straziami

  3. Orazio scrive:

    Parafrasando Hikmet, il romanzo più brutto è quello che non hai ancora letto… 🙂 P.S. Condividiamo lo stato d’animo. Mi sento in questa estate come un delfino in un acquario.

  4. seia scrive:

    mel: grazie per la comprensione, sono davvero distrutta. La Invernizio in confronto è Thomas Mann!

    Mike: Straziami ma di baci d’una morta saziami!! 🙂

    Orace: Come per il vero argomento della poesia di Hikmet secondo me il meglio di solito è già arrivato 🙂
    E peggio di questo libro.. non credo di poter leggere.

  5. Christian Frascella scrive:

    ‘I Postromantici’ non lo batte di certo! 😉

  6. Anonymous scrive:

    orwell scrisse “nell’ora morta delle tre”

  7. seia scrive:

    Sempre ottimista Orwell, ma non ha tutti i torti 🙂

Scrivi un commento